“Exit”, simbolo della vittoria sulla pandemia o mossa imprudente?

Il 20° “Exit Festival” di Novi Sad si è concluso lunedì all’alba. Il primo grande evento musicale in Europa dall’inizio della pandemia, si è svolto sotto condizioni specifiche e con restrizioni all’ingresso. Gli organizzatori del festival affermano che, grazie ai controlli eseguiti, non c’era alcun rischio di diffusione del virus. Se è davvero così, sarà più chiaro tra circa 7 giorni, quando le statistiche mostreranno se il numero dei contagiati è in crescita.

L’Europa non vedeva tali scene da quasi un anno e mezzo. Tra le mura della fortezza di Petrovaradin si è tenuto il primo grande festival musicale del continente dall’inizio della pandemia. Circa 300 artisti si sono esibiti su 20 palchi, e per la maggior parte di loro la performance all’Exit è stata la prima dopo una lunga pausa.

“È fantastico che questo festival sia tornato, ne abbiamo appena parlato, ci siamo ricordati di com’era quasi 20 anni fa, che tipo di energia c’è, è ora di tornare e riviverlo”, ha detto il DJ Ronnie Size.

Dopo una lunga pausa, questi sono stati i primi concerti aperti al pubblico, e i visitatori sono arrivati a Novi Sad da più di 70 Paesi. “Lo stavamo aspettando da molto tempo, da quasi un anno e mezzo, e dopotutto ora siamo liberi e ci stiamo godendo il festival”, ha detto Altun dall’Azerbaigian alla tv “N1”.

N1: Non hai paura del coronavirus?

“No, sono vaccinato, ho ricevuto entrambe le dosi, se prendi il virus allora sei sfortunato”, ha detto invece Erhon da Cipro. “Niente maschere, niente pandemia, niente coronavirus”, ha aggiunto Altun.

In quattro giorni, 180.000 persone hanno ufficialmente varcato i cancelli del festival. Per poter acquistare un biglietto, dovevano avere il certificato verde digitale, cioè il certificato che erano stati vaccinati o che avevano già contratto il virus. Per tutti gli altri, “Exit” ha fornito test antigenici rapidi gratuiti.

“Nei prossimi giorni avremo informazioni ufficiali su quante persone erano vaccinate, quante persone avevano il certificato verde perché già contagiate dal virus e quante persone sono state accuratamente testate in generale nei laboratori e nella fiera; la cosa lodevole è che di 14.000 persone che sono passate in fiera, meno di 10 sono risultate positive”, ha affermato Milica Dragomirović, addetta alle PR di “Exit”.

L’Exit è un simbolo della vittoria sulla pandemia o, al contrario, un’opportunità per farla scoppiare di nuovo? Gli organizzatori spiegano che le procedure applicate si basano su ricerche scientifiche che sono state fatte in tutta Europa negli ultimi mesi.

“Pensiamo che il percorso che abbiamo intrapreso con tutta questa organizzazione diventerà un caso di studio per l’industria dei festival. Ci sono molti nostri amici del settore, ci sono molti media del settore che seguiranno il modo in cui abbiamo fatto tutto questo negli ultimi giorni; alcuni principi possono seguiti in tutti i Paesi in cui i festival si devono tenere”, afferma Sanjin Đukić.

Decine di festival musicali sono già stati annunciati in Europa nei mesi di luglio, agosto e settembre. Decine però sono stati cancellati, proprio per la paura del virus. Alcuni dei più grandi sono stati spostati al 2022, come il “Sigetfest” in Ungheria e il “Tomorrowland” in Belgio.

Da li je Exit bio simbol pobede nad koronom, ili prilika da se virus razbukta

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

scroll to top