Europa orientale: immanente disastro demografico

Le popolazioni di dieci paesi dell’Europa orientale, tra cui la Serbia, sono “destinate a ridursi drammaticamente nei prossimi decenni”.

“Quel che è peggio, la maggior parte dei paesi si rifiuta di prendere in considerazione una soluzione per rallentare il disastro demografico in arrivo”, ha riferito Beta mercoledì, citando il sito web. “I primi dieci paesi con la popolazione in rapido declino sono tutti nell’Europa orientale (pochi nell’Europa centrale e settentrionale), secondo le proiezioni dell’ONU: si stima che la popolazione di Bulgaria, Lettonia, Moldavia, Ucraina, Croazia, Lituania, Romania, Serbia, Polonia, Ungheria, si ridurrà del 15% o più entro il 2050”, sostiene l’articolo.

La Bulgaria compare in cima alla lista come “il paese più veloce al mondo per quanto riguarda la contrazione”: qui la popolazione dovrebbe scendere da sette milioni nel 2017 a 5,4 milioni nel 2050. Secondo la proiezione, in Serbia la popolazione diminuirà del 15% entro il 2050, in Croazia del 17% e in Ucraina del 18%.

“Nel 2016, la crescita della popolazione in Europa è diminuita in gran parte rispetto all’immigrazione”, continua l’articolo pubblicato su qz.com, aggiungendo che “anche se il numero di nascite e morti sono stati pari a 5,1 milioni ciascuno, il saldo migratorio ha portato la popolazione da 1.500.000 a 511.800.000”.

“Accogliere un maggior numero di migranti potrebbe sembrare una soluzione ovvia per risolvere il problema demografico dell’Europa orientale, ma la questione rimane politicamente tossica”, osserva il sito web, citando Tomas Sobotka dal Wittgenstein Center, secondo cui il calo osservato nella popolazione è “dovuto a tre fattori: tassi di fertilità in calo, massiccia emigrazione e mortalità relativamente elevata”.

(b92, 24.01.2018)

https://www.b92.net/eng/news/world.php?yyyy=2018&mm=01&dd=24&nav_id=103339

Share this post

scroll to top
Altro... Bosnia, Bulgaria, Croazia, natalità
Yee
Yee: la Serbia può accelerare verso l’UE

Commercio Serbia-Bosnia: abolizione delle barriere non doganali

Chiudi