Euro indebolito, ma i prezzi rimangono costanti

L’euro cade e i prezzi nei negozi non scendono. Al contrario, gli acquirenti percepiranno ogni percentuale del tasso di crescita nei loro portafogli. Quindi né i produttori né i commercianti vogliono rinunciare al dolce profitto determinato da un forte dinaro.

Milojko Arsic, professore presso la Facoltà di Economia di Belgrado, fa notare che si tratta di un fenomeno generale a livello mondiale.

“I prezzi sono rigidi e vanno dritto, piuttosto che in alto. Ciò avviene in tutti i paesi del mondo e da tempo è stato riconosciuto nell’economia. Un possibile calo dei prezzi può avvenire solo in quelle attività in cui esiste una forte pressione concorrenziale. Ma tutti i produttori e gli operatori commerciali cercheranno di evitare questa situazione e di utilizzare tale riduzione dei costi per aumentare il profitto. I tassi di interesse sono scesi, il corso è sceso, vogliono aumentare i loro profitti”, spiega Arsic

Arsic afferma che, se tali circostanze richiedono più tempo, ci sarà un calo del prezzo laddove c’è competizione. “La concorrenza è un meccanismo che esercita pressione e conduce a rinunciare ai profitti, che causano costi inferiori. Produttori e commercianti prima cercare di trasformarli in profitto, in modo tale che nel caso in cui fossero costretti a rinunciare, ridurranno i profitti diminuendo i prezzi”.

Il dinaro forte determina una bassa inflazione, scenario che l’economista Ljubomir Madžar ritiene molto positivo.

“Riguardo ai prezzi, le cose sono migliori rispetto al fronte dell’esportazione e dell’investimento. Il rafforzamento del dinaro significava una stagnazione dei prezzi, cioè un basso tasso di inflazione. Non c’è niente di strano, tutto è prevedibile. L’inflazione bassa è migliore dell’inflazione elevata. Non abbiamo avuto tassi di inflazione così bassi per lungo tempo”, spiega Madžar.

Al fine di mitigare le eccessive fluttuazioni giornaliere del tasso di cambio, la Banca nazionale di Serbia ha acquistato un totale di un miliardo e 80 milioni di euro da inizio anno sul mercato interbancario dei cambi. Nello stesso periodo, sono stati venduti 345 milioni di euro, così da inizio anno il dinaro è aumentato del 3,4%.

A differenza degli importatori, il rafforzamento della moneta nazionale non favorisce gli esportatori, in quanto riduce la competitività dei loro prodotti sul mercato estero. In poche parole, rispondono all’indebolimento della moneta nazionale quando guadagnano più dinari per euro. La crescita delle esportazioni significa crescita economica, e conseguentemente crescita dell’occupazione.

(Novosti, 24.09.2017)

http://www.novosti.rs/vesti/naslovna/ekonomija/aktuelno.239.html:687319-Evro-opet-pada-cene-ne-mrdaju

Share this post

scroll to top
More in Dinaro Euro, esportazioni, inflazione
fruit
Nedimovic: nessuna riduzione delle esportazioni di frutta verso la Russia

worldfood
WorldFood a Mosca: il successo delle aziende serbe

Close