Euractive: “La Serbia criticata dagli USA come la Bulgaria prima della caduta di Borisov”

Questo mese, la Serbia ha ricevuto dagli USA critiche simili alla Bulgaria prima delle elezioni in cui il Premier Boyko Borisov ha perso il potere, scrive il portale di Bruxelles “Euractive”. I messaggi a Sofia e Belgrado sulla corruzione sono ugualmente diretti, l’unica differenza è che hanno già prodotto un grande effetto in Bulgaria, considerando che c’è stato un cambio di governo, afferma la giornalista bulgara Antoaneta Nikolova.

Lei ricorda che diversi membri del Congresso degli Stati Uniti hanno pubblicato questo mese una lettera in cui criticano la crescente corruzione e il declino della libertà dei media in Serbia e chiedono al Presidente americano Joseph Biden di non esitare a imporre sanzioni sotto forma di congelamento dei beni ad alcuni individui in Serbia.

Nikolova afferma che la reazione del Presidente della Serbia, Aleksandar Vučić, è stata strana perché ha detto di non aver paura che gli vengano congelate le proprietà all’estero poiché non ne possiede, e lei si chiede se ciò significhi che il leader serbo si è riconosciuto come un possibile bersaglio delle sanzioni americane.

Sulla base di un ordine firmato da Biden, l’Office of Foreign Assets Control (OFAC) del Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti aveva sanzionato tre cittadini bulgari per corruzione e la loro rete di fatta da 64 entità. “Questo schiaffo ha ovviamente sconvolto Vučić e il suo partito al governo. Nella lettera sulla Serbia, i senatori americani nominano la società statale maggioritaria “Telekom Srbija” e la televisione privata “Pink”, che stanno fiorendo grazie al “rapporto reciprocamente vantaggioso con il governo”. Allo stesso tempo, “i giornalisti sono esposti ad attacchi quasi quotidiani che provengono sempre più dall’élite al potere e dai media filo-governativi”, ha affermato “Reporters sans frontières” nel suo ultimo rapporto.

Questo scenario sembra “già visto”, si legge nel testo, poiché alla vigilia delle elezioni parlamentari in Bulgaria del 4 aprile, due senatori statunitensi avevano scritto che “la Bulgaria ha registrato il risultato più basso nell’Unione Europea, sul “Transparency International Corruption Perceptions Index per 2019 e nel Reporters Without Borders World Press Freedom Index”. Borisov aveva poi perso il potere in quelle elezioni.

“Se la lettera sui rapporti tra Usa e Bulgaria è stata firmata da due senatori, quella sulla Serbia è stata firmata da sette senatori e lo stile è molto simile”, si legge nel testo. Lo stesso giorno in cui i senatori hanno pubblicato la lettera sulla Serbia, il 5 novembre, i media americani hanno rivelato che la Serbia non era tra gli invitati al “Democracy Summit” organizzato da Biden, ricorda la Nikolova e aggiunge che la Serbia di Vučić è “in compagnia” di Turchia e Bielorussia, Russia e un solo membro dell’UE, l’Ungheria.

Aggiunge che questi Paesi, “secondo l’amministrazione di Washington, non soddisfano gli standard americani di democrazia”, ​​così come la Bulgaria, fino a quando le elezioni non hanno portato a un cambiamento.

https://www.danas.rs/vesti/politika/euraktiv-srbija-dobila-slicne-poruke-iz-sad-kao-bugarska-uoci-pada-borisova/

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

scroll to top