Esportazione carne: il progetto dei cinesi di CMEC a Kragujevac

In seguito ad una dichiarazione del Ministro dell’Agricoltura, Branislav Nedimovic, secondo cui la Serbia sarebbe in grado di “esportare molto presto carne bovina in Cina in quantità illimitate, dopo aver curato diversi dettagli”, Kragujevac si sta preparando per un enorme investimento dalla compagnia cinese, di proprietà statale, CMEC, che ha già istituito un’impresa con lo scopo di occuparsi del commercio all’ingrosso di carne e prodotti a base di carne.

“Il memorandum d’intesa che la città di Kragujevac e CMEC hanno firmato nel dicembre 2015 prevede l’implementazione del progetto, che dovrebbe prevedere l’industria di allevamento bovino a Šumadija, in due fasi. I cinesi dovrebbero acquistare innanzitutto capi di bestiame dagli agricoltori e macellarli in macelli certificati in un primo momento. Progettano inoltre di costruire un proprio macellaio su vasta scala a Cerovac, vicino Kragujevac, insieme ad una fattoria sperimentale e ad un centro didattico per i nostri allevatori. Lo studio di fattibilità, commissionato dalla società cinese, ha dimostrato che questo progetto è redditizio e può essere realizzato con la capacità di Sumadija di allevamento di bestiame di circa 120.000 capi di bestiame. Questo è sufficiente per la produzione di 50.000 tonnellate di carne. Il problema è che al momento sono presenti solo 30.000 capi di bestiame in Šumadija, che è quattro volte inferiore alla capacità prospettata”, afferma Damjan Srejic, membro del Consiglio comunale di Kragujevac per l’Agricoltura.

Nel tentativo di trovare il maggior numero di partner potenziali, ovvero allevatori di bestiame, la città di Kragujevac ha stabilito una cooperazione con altre regioni in Serbia nell’ultimo anno e mezzo, principalmente con le contee di Raska e Rasinski, ben note per l’allevamento di bestiame.

“Abbiamo contattato decine e decine di allevatori in Serbia, disposti a partecipare a questo enorme progetto. I cinesi offrono diversi formati di cooperazione e prestiti favorevoli all’acquisto di bestiame. Inoltre, il Centro per l’Agricoltura e lo Sviluppo Rurale, fondato dalle autorità cittadine, è a completa disposizione degli allevatori di bestiame”, aggiunge Srejic.

Lo studio di cui sopra, commissionato da CMEC, è stato condotto da Deloitte.

(Politika, 24.05.2017)

http://www.politika.rs/scc/clanak/381340/Sumadija-se-sprema-za-izvoz-govedine#.WSZ_Cvprnn8.twitter

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top