Esiste uno Studio della “Rio Tinto” sull’impatto ambientale del progetto “Jadar”

La compagnia “Rio Tinto” aveva preparato uno Studio sull’impatto ambientale dovuto alle miniere di litio, ma in attesa delle decisioni del Ministero serbo non ha mai potuto presentarlo, scrive “Vreme”.

Il documento mostra i pericoli derivanti dalle miniere, come la “Rio Tinto” intenda prevenirli e segnala numerosi impatti ambientali negativi, affermando che l’esperienza mostra che “l’impatto economico e sociologico” sulla popolazione è l’unico che porta benefici, anche se non tutti avranno quei “benefici”.

L’allagamento della Drina è citato come la migliore soluzione per ottenere dell’acqua, mentre le acque reflue, dopo la lavorazione, verrebbero scaricate nel fiume Jadar. “Un sistema pianificato per la raccolta dell’acqua di deflusso sarà necessario molti anni dopo la chiusura, e forse per sempre”, riferisce “Vreme”.

Secondo il documento, grandi quantità di materiale sarebbero state scavate nel 2023, mentre il primo minerale sarebbe stato estratto nel 2025. Il grafico mostra che la miniera funzionerebbe per 60 anni. Va sottolineato che la “Rio Tinto” aveva redatto il documento prima di annunciare a gennaio che avrebbe posticipato la produzione commerciale al 2027 per “ritardi nell’ottenimento dell’approvazione per lo sfruttamento del terreno”.

Vreme: Rio Tinto ima Studiju o uticaju na životnu sredinu, ali je nije predao

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top