Entro l’autunno in Serbia il più grande mercato dei Balcani

Nell’ autunno di quest’anno sarà terminato il più grande centro della grande distribuzione nei Balcani, il quale si estenderà su una superficie di 10.000 metri quadrati e sarà situato al mercato all’ingrosso (Kvantaška pijaca) di Belgrado.

Il direttore dell’ipermercato Natasa Putnik ha detto al quotidiano “Novosti” che l’anno scorso i lavori sono rimasti fermi a causa della non conformità con gli appaltatori e della mancanza di fondi. Il lavoro era in ritardo anche per le procedure legali relative agli appalti pubblici.

“La costruzione sarà realizzata grazie alla società Jadran, la quale ha presentato la migliore offerta al bando. Il lavoro dovrebbe essere finito in 120 giorni e l’appaltatore ha dovuto soddisfare condizioni molto impegnative” , ha detto Natasa Putnik.

Entro 120 giorni, su 10.000 metri quadrati dovrebbero essere costruiti i capannoni, le strade di accesso per il trasporto, per la consegna di merci e per il supporto logistico. Questo sarà l’unico centro dove i commercianti e gli agricoltori potranno usufruire delle condizioni più moderne per la conservazione degli alimenti, cosa che garantirà la massima qualità di frutta e di verdura. “La maggior parte dei commercianti e degli agricoltori è molto interessata all’affitto dello spazio dei capannoni”, ha detto la Putnik, aggiungendo che gli acquirenti di un posto avranno un’offerta completa.

I’ipermercato è interamente di proprietà del Comune di Belgrado.  Gli esperti sottolineano che questo commercio all’ingrosso contribuirà al più rapido sviluppo del settore agricolo in Serbia e grazie alla sua costruzione sarà arricchita anche l’offerta dei prodotti nel nostro mercato, il che comporterà una riduzione dei prezzi.

(Novosti, 13.05.2015)

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top
Altro... agricoltura, commercio
I cinesi interessati ai complessi agricolo-industriali in Serbia

Slow Food in Serbia: il cibo tipico come fattore di sviluppo e modernità

Chiudi