Entro la fine dell’anno 3 miliardi di dinari a fondo perduto per micro, piccole e medie imprese

Entro la fine dell’anno, micro, piccole e medie imprese in Serbia riceveranno tre miliardi di dinari di sovvenzioni a fondo perduto. Il Segretario di Stato presso il Ministero dell’economia, Dragan Stevanovic, fa notare a “Novosti” che il governo è consapevole dell’importanza di questo settore per l’economia serba e che il numero di beneficiari e l’ammontare del sostegno finanziario aumentano ogni anno.

“Per il prossimo anno abbiamo in mente un importo ancora maggiore”, afferma Stevanovic, aggiungendo che nel 2018 sono stati spesi 1,65 miliardi nell’ambito dei tre programmi.

Scopri i principali investimenti esteri in Serbia nel 2018: clicca qui!

“Negli ultimi due anni abbiamo anche fornito fondi aggiuntivi per le sovvenzioni rispetto a quanto inizialmente previsto a causa del maggior numero di beneficiari”, ha affermato Stevanovic, sottolineando che i rapporti trimestrali e annuali mostrano una crescita dominante nel settore manifatturiero, precisamente nelle aree in cui viene speso più denaro di questi programmi.

“Circa 7 miliardi di dinari saranno investiti nelle imprese piccolo e medie quest’anno grazie alle sovvenzioni, che rappresentano dal 20% al 30% del denaro totale investito per gli investimenti, anche attraverso dei prestiti; si tratta di investimenti in nuove attrezzature, ricostruzione, sviluppo e rinnovamento tecnologico”.

Quando si tratta di sussidi statali, si riapre la questione se le società straniere siano incoraggiate più di quelle nazionali. Stevanovic afferma che non è vero che esiste una grande sproporzione a favore degli stranieri. Citando ad esempio l’anno precedente constata che il numero di contratti di incentivazione firmati per gli investimenti è stato a favore degli investitori nazionali, poiché 13 di loro hanno ricevuto denaro rispetto a 11 stranieri.

“Finora gli uomini d’affari serbi non hanno avuto la capacità di avviare un investimento che impieghi 1.000 o 3.000 persone contemporaneamente, ma solo progetti più piccoli che ne impiegano da 100 a 200″ spiega Stevanovic; abbiamo bisogno di tempo per cambiare le cose. Le riforme quinquennali che stiamo attuando hanno prodotto dei risultati e credo che un numero sempre maggiore di società serbe sarà in grado di ottenere dei sussidi in futuro” ha affermato il Segretario di Stato.

Lo stesso afferma che quest’anno, fino al 5 settembre, sono stati firmati 27 contratti di incentivo agli investimenti, 9 con società nazionali, 18 con società estere: “Tuttavia, qualsiasi società che richieda sussidi deve essere registrata come società serba, quindi anche le altre, sebbene la loro sede principale sia all’estero, sono in qualche modo anche nostre.”

Stevanovic infine sottolinea che, in linea di principio, è prevista la messa a disposizione per il settore delle PMI di circa 100 milioni di euro, nell’ambito di un piano investimenti per un valore di 12 miliardi di euro. Altri vari programmi fornirebbero alle imprese 20 milioni di euro all’anno per i prossimi cinque anni.

https://www.ekapija.com/financing/2657763/mikro-malim-i-srednjim-preduzecima-do-kraja-godine-3-milijarde-dinara-bespovratno

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

scroll to top