La leggendaria emittente B92 volta pagina

La leggendaria emittente B92, sinonimo di resistenza al regime di Slobodan Milosevic durante gli anni ’90, è in procinto di essere rinominata come O2 Television: si chiude così una pagina di storia serba.

La stazione televisiva B92, un tempo emblematica in Serbia, passerà ufficialmente negli annali della storia, dopo che avrà cambiato il proprio nome in O2, come annunciato dai media.

Dusan Masic, un ex giornalista di Radio B92 e autore di un libro sulla stazione radio, “Le onde della Serbia”, ha riferito a BIRN che l’ultima decisione su come cambiare il nome renderà la vendita di B92 più facile. Secondo Masic il canale da molto tempo ha “abbandonato quasi tutto quello che B92 ha sostenuto”. Insieme a numerosi giornalisti e figure pubbliche, aveva già chiesto ai nuovi proprietari di cambiare il nome di B92 a causa di differenze concettuali.

Il quotidiano Blic ha riferito venerdì che la decisione era prevista perché “la televisione attuale non ha più nulla a che fare con il vecchio concetto di B92”.

Si aggiunge che testimonial della futura stazione O2 sarà l’attore Sergej Trifunovic, mentre il nuovo concetto generale di O2 è tenuto segreto.

“È vero che ci saranno grandi cambiamenti e sorprese dall’autunno. La nostra azienda cerca sempre di essere un passo avanti e sorprendere gli spettatori nel modo migliore, e così sarà anche questa volta”, ha comunicato l’Ufficio Relazioni Pubbliche della stazione televisiva.

Il veterano redattore capo del programma informativo di B92, Veran Matic, che è stato uno dei fondatori del B92, è stato disponibile per un commento.

Fondata come stazione radio 28 anni fa, l’emittente oggi include la televisione con copertura nazionale, un canale televisivo via cavo, un sito web di notizie e una radio che ha cambiato concetto ed è stato rinominata Play Radio nel 2015.

B92 è stata uno dei pochi media a non cadere sotto il controllo del governo di Slobodan Milosevic durante gli anni ’90. Il suo pubblico di riferimento era quello degli intellettuali e dei giovani urbani che si opponevano al regime nazionalista autoritario.

Anche dopo i ripetuti divieti delle autorità, i giornalisti continuarono a trasmettere programmi radiofonici da studi segreti e via Internet.

Nel 1998, B92 ha ricevuto il Premio MTV “Free Your Mind” per il giornalismo e i diritti umani. La Fondazione B92 è ancora conosciuta per il suo lavoro umanitario e per il suo sostegno a scuole e ospedali in Serbia.

Nel novembre 2010, Astonko Ltd, una joint-venture greco-svedese, ha acquistato l’84,99% della stazione. Successivamente, nel settembre del 2015, Antenna Group, di proprietà dell’imprenditore greco Minos Kyriakou, ha assunto una quota di maggioranza in B92. Due mesi prima che Radio B92 cambiasse il suo nome in Play Radio, decine di giornalisti dalla radio sono stati licenziati.

Un ex direttore del programma d’informazione, Biljana Vujasinovic, ha raccontato al sito Cenzolovka, nel luglio 2015, di non essere stato in grado nemmeno dire addio ai propri ascoltatori su Radio B92, o spiegare che non ci sarebbero state più notizie sulla nuova stazione radio.

Molti noti giornalisti del “vecchio” B92 hanno da tempo abbandonato. Uno degli autori del famoso show politico “Pointer”, Danica Vucenic, ha deciso di andare a lavorare per l’emittente regionale Radio Televisione della Vojvodina, RTV, e poi ha interrotto la propria attività di giornalista. Altri hanno iniziato a lavorare per la televisione regionale N1.

L’autore dello spettacolo “The Insider”, Brankica Stankovic, ha lasciato nel 2015 e ha iniziato la sua produzione e sito web, continuando a lavorare sul giornalismo d’inchiesta.

Uno dei più noti ad aver desistito è Beckovic, ex presentatore del famoso talk show politico “Impressione della settimana”. Lo spettacolo ospitava diversi politici e figure pubbliche di primo piano che discutevano di argomenti attuali.

Beckovic ha annunciato nel 2014 che l’emittente aveva deciso di non mandare più in onda il suo show e ha accusato l’allora primo ministro, Aleksandar Vucic, ora Presidente serbo e capo del Partito Progressista Serbo, di ostacolare il suo lavoro.

In risposta, Vucic ha dichiarato che B92 era una società privata e non poteva chiedere alla stazione di continuare a trasmettere il suo spettacolo.

Da quando ha preso il potere nel 2012, Vucic è stato accusato di minare la libertà di parola e la libertà della stampa.

Nell’ultima relazione del 2017, l’organizzazione Reporters Without Borders ha dichiarato che la Serbia è stata tra i paesi con il peggior calo delle libertà mediatiche nel corso dell’ultimo anno.

(Maja Zivanovic, Balkan Insight, 28.08.2017)

http://www.balkaninsight.com/en/article/iconic-serbian-tv-b92-officially-goes-to-history-08-25-2017

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top
Leggi articolo precedente:
spionaggio
Da UK e USA sospetti di spionaggio russo in Serbia

stattwerk
Il progetto di Stattwerk per la prima “facciata verde” a Belgrado

Chiudi