Elezioni 2016 in Serbia: le liste in corsa

Come è stato già riportato dal Serbian Monitor a comporre la prima lista di candidati per le prossime elezioni del 24 aprile vi è quella chiamata “Aleksandar Vucic – la Serbia vince”, composta da una coalizione dei partiti politici dove oltre all’SNS (Partito del Progresso Serbo), vi sono il Partito Socialdemocratico di Serbia (SDPS), il Partito dei Pensionati Uniti della Serbia (PUPS), Nuova Serbia, il Movimento Socialista, il Movimento di Rinnovamento Serbo (SPO), il Partito Popolare Serbo, il Movimento Forza della Serbia e il DSS Indipendente. 

Pajtic_Zivkovic

Bojan Pajtic (DS) e Zoran Zivkovic (Nuovo Partito) alla firma dell’accordo.

La successiva lista prossime alle elezioni parlamentari anticipate è intitolata “Per una Serbia giusta – Partito Democratico (DS) (Nuovo Partito, Alleanza democratica dei Croati in Vojvodina, Insieme per la Serbia)”, dove oltre ai partiti indicati nel nome della lista partecipano alla coalizione anche il Movimento per la Krajina e Insieme per la Sumadija.

La lista nella posizione numero tre “Ivica Dacic – „Partito Socialista Serbo (SPS), Serbia Unita (JS) – Dragan Markovic Palma” include anche il Partito dei Verdi della Serbia (Zeleni Srbije), che per motivi amministrativi non poteva essere inclusa nel nome della lista.

Al numero 4 si trova la lista “Dott. Vojislav Seselj – Partito Radicale Serbo” (SRS) che partecipa senza alleanze alle elezioni anticipate, mentre nella posizione 5 è la lista “Dveri – Partito Democratico di Serbia – Sanda Raskovic Ivic – Bosko Obradovic”, della coalizione Dveri-DSS.

Di seguito le liste elettoriali, per le elezioni parlamentari anticipate, attualmente pubblicate sul sito della Commissione elettorale nazionale (RIK) :

liste elettorali 2

Nella posizione 6 è la lista “Alleanza degli Ungheresi della Vojvodina – Istvan Pastor – Vajdasági Magyar Szövetség-Pásztor István” , che è una coalizione con lo status di un gruppo di una minoranza nazionale composta da Alleanza degli Ungheresi della Vojvodina (SVM), Partito Democratico di Ungheresi della Vojvodina (DSVM) e Partito dell’Unità ungherese (SMJ).

Dall’altra parte Il Movimento Ungherese (MP) e la Comunità Democratica degli Ungheresi della Vojvodina (DZVM) hanno firmato un accordo sulla partecipazione congiunta alle elezioni separatamente dall’Alleanza degli Ungheresi della Vojvodina. La loro lista “Movimento Ungherese – per il cambiamento! – DZVM” non è ancora stata pubblicata.

Boris-Tadic-i-Cedomir-JovanovicLa Commissione elettorale nazionale ha approvato oggi la settima lista elettorale, ovvero quella composta  da Partito Socialdemocratico (SDS), Partito Liberale Democratico (LDP) e la Lega dei Socialdemocratici della Vojvodina (LSV) dal titolo “Boris Tadic, Cedomir Jovanovic – Alleanza per una Serbia migliore – Partito Liberal Democratico, Lega dei Socialdemocratici della Vojvodina “.

Tra gli altri partiti minori vi è “Adesso basta!” (Dosta je bilo) che ha iniziato oggi la raccolta delle firme. Il presidente del partito, l’economista ed ex ministro dell’economia Sasa Radulovic è convinto che  passera la soglia di sbarramento. “Quando si miscela il pulito e lo sporco, si ottiene sempre lo sporco. Non è normale influenzare la magistratura, i media, che il partito rappresenti un ufficio di collocamento, perciò noi ci differenziamo da tutte gli altri partiti e non faremo coalizioni per superare la soglia”, ha detto Radulovic. “L’obiettivo del movimento è quello di rendere dalla Serbia un paese in cui si vive bene e volentieri. Il regno dei partiti politici ha distrutto il paese, con un costo annuale di oltre tre miliardi di euro. I partiti politici non possono essere agenzie per l’impiego, la Serbia non ha bisogno di un leader, ma di un sistema. Abbiamo bisogno di essere guidati dai migliori e di avere trasparenza a tutti i livelli “, viene detto da Radulovic.

La lista “Sinistra della Serbia” di Borko Stefanovic, già esponente del partito democratico ed ex responsabile dell’Ufficio governativo per il Kosovo nel governo Cvetkovic, si presenterà alle elezioni con il Movimento per il cambiamento (Pokret za preokret), con la Nuova associazione dei pensionati di Serbia e con l’Unione socialdemocratica nella lista “Borko Stefanovic – La Serbia per tutti noi”. “I movimenti che sono con noi condividono la nostra lotta per giustizia sociale, la solidarietà e uno stato sociale. Si tratta di movimenti e partiti che tradizionalmente sono contro questo regime e vogliono essere senza compromessi all’opposizione di Aleksandar Vucic”, ha dichiarato Stefanovic. 

(RIK, Novosti, Blic, Tanjug; 13.02.2016)

Share this post

scroll to top
Altro... Alleanza degli Ungheresi della Vojvodina, Alleanza democratica dei Croati in Vojvodina, DSS, Dveri, DZVM, Insieme per la Serbia, Insieme per la Sumadija, JS, LDP, LSV, Movimento per la Krajina, MP, Nuovo Partito, PUPS, RIK, SDPS, SDS, SNS, SPS, SRS, SVM
Presentate le liste elettorali di SNS e DS

Elezioni anticipate il 24 aprile 2016

Chiudi