Edilizia residenziale in Serbia in declino

La crescita a lungo termine e sostenibile del PIL serbo è possibile solo se il settore dell’edilizia del paese rimane forte. Dal 2012, la quota che i progetti di costruzione hanno negli investimenti totali è scesa al 40,2% in Serbia, avverte l’esperto di economia Ivan Nikolic.

In occasione della presentazione dell’ultimo numero della rivista “Macroeconomic analyses and trends”, Nikolic ha affermato che le economie di successo e in rapida crescita tendono a stimolare il più possibile il loro settore dell’edilizia.

“Per accelerare la crescita economica in Serbia, gli investimenti devono rappresentare almeno il 25% del PIL nazionale. Al momento, questa quota è del 17,7%”, sottolinea Nikolic.

Aggiunge che, nonostante la Serbia possegga un ambiente imprenditoriale affascinante, gli investimenti non stanno crescendo al tasso atteso e per poter avere una crescita economica più sostanziale, gli investimenti dovrebbero essere ugualmente distribuiti tra i settori dell’edilizia, dei macchinari e delle attrezzature.

Negli ultimi dieci anni, sottolinea Nikolic, la Serbia ha avuto un periodo in cui la quota che le attività di costruzione avevano negli investimenti totali era molto buona e il periodo è durato dal 2009 al 2011. “All’epoca gli investimenti nell’edilizia residenziale ammontavano al 48% degli investimenti totali realizzati e questo è il risultato di ipoteche sovvenzionate. Da allora, questi investimenti sono scesi al 37%”, avverte Nikolic.

L’edilizia residenziale in Serbia è stata al suo tasso più basso nel 2015, quando furono costruiti solo 10.300 appartamenti, cioè 1,5 appartamenti per 1.000 abitanti.

Anche il numero di appartamenti di nuova costruzione è diminuito a Belgrado: nel 2016 la superficie totale di appartamenti costruiti è stata di 2,5 volte inferiore rispetto al 2008.

“Penso che il problema dipenda dal basso reddito della popolazione. Per esempio, se vuoi comprare un appartamento di 57 metri quadrati in Serbia, dovresti mettere da parte oltre 16 salari medi annuali, mentre in Gran Bretagna, per esempio, dove gli appartamenti costano di più, un acquirente dovrà mettere da parte 5.2 salari annuali”, aggiunge Nikolic.

(Beta, 11.10.2017)

http://beta.rs/ekonomija/ekonomija-srbija/75266-ekonomisti-u-srbiji-pada-gradnja-stanova-i-usporava-rast-bdp-a

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
Altro... costruzioni, edilizia, investimenti
Djordjevic: “Investitori turchi vogliono assumere 3500 lavoratori”

stattwerk
Il progetto di Stattwerk per la prima “facciata verde” a Belgrado

Chiudi