ECRI: razzismi e discorso dell’odio in Serbia

Nella relazione elaborata dalla Commissione europea contro il razzismo e l’intolleranza (ECRI), il Consiglio d’Europa riconosce che la Serbia ha compiuto numerosi progressi in diversi settori, ma aggiunge che molto deve ancora essere fatto per combattere il discorso dell’odio e garantire una migliore protezione delle minoranze nazionali.

Le autorità serbe dovrebbero finalmente essere chiare circa il genocidio di Srebrenica, eliminare il razzismo tra i sostenitori delle squadre di calcio e prestare maggiore attenzione alla violenza contro i Rom e la popolazione LGBT, sostiene il rapporto dell’ECRI.

Il rapporto prosegue: “Gli alti livelli di violenza omo e transfobica sono regolarmente visibili durante le Pride Parades LGBT. La violenza nei confronti dei Rom è ricorrente e l’accusa e la condanna di genocidio e ad altri crimini di guerra razzisti stanno progredendo lentamente. Le persone di alto rango non vengono perseguite e molti crimini di guerra terribili rimangono impuniti. A causa della conseguente impunità, le persone appartenenti a diverse comunità vivono nel timore di una nuova ondata di tale crimini di odio”.

Il rapporto evidenzia anche la difficile situazione dei bambini rom in Serbia e afferma che solo il 6% dei bambini rom sono iscritti alla scuola materna; solo il 46% completa l’istruzione primaria obbligatoria di otto anni e solo il 13% l’istruzione secondaria.
“Solo la metà delle ragazze rom, come i ragazzi rom, frequentano e completano la scuola secondaria. Il numero dei rom che vivono in insediamenti e in particolare di quelli sfollati dal Kosovo sono ancora peggiori. Gli sforzi per migliorare le difficili condizioni di alloggio di molti rom sono troppo esigui e il 72% di tutti gli insediamenti rom sono ancora informali”, sottolinea la relazione.

Per quanto riguarda il discorso dell’odio, la relazione dell’ECRI cita informazioni secondo cui, nel periodo compreso tra il 2011 e il 2016, sono state sporte denunce penali contro 216 persone. 207 accuse riguardano l’origine nazionale o etnica della vittima, l’affiliazione religiosa, la cittadinanza e l’orientamento sessuale. La maggior parte dei reati riguarda persone rom e lesbiche, gay, bisessuali o transgender (LGBT).

La relazione dell’ECRI riguarda anche la cosiddetta violenza online e afferma che il discorso dell’odio è sempre più diffuso tramite Internet: “Vari interlocutori hanno informato l’ECRI che il discorso dell’odio mirato a gruppi vulnerabili sui forum di Internet e sui social media è in aumento. Il Dipartimento di Criminologia ad alta tecnologia della MIA ha rilevato, ad esempio, che 30 persone hanno minacciato gli organizzatori della Pride Parade 2015 e hanno pubblicato un discorso sull’odio sulle reti sociali. Anche le pubblicazioni antisemite ed islamofobiche sono frequenti. In molti casi, il linguaggio dell’odio di questo tipo può essere pubblicato anonimamente, il che ostacola l’inchiesta penale”, evidenzia la relazione.

Il discorso dell’odio trova occasione di espressione anche, e molto spesso, durante le partite di calcio, avverte la relazione: “ECRI è particolarmente preoccupata per le attività dei gruppi di tifosi che sono coinvolti in attività illegali e criminali. Secondo gli osservatori, esistono forti legami tra i gruppi di tifosi di calcio violenti e le organizzazioni di estrema destra che, a loro volta, hanno legami con politici nazionalisti e criminalità organizzata”.

Quale rimedio a tale situazione, la relazione afferma che “le autorità dovrebbero introdurre e rafforzare l’educazione obbligatoria a tutti i livelli scolastici sui diritti umani, il diritto all’uguaglianza e il divieto di discriminazione e di discorso dell’odio”.

L’ECRI loda l’iniziativa del parlamento serbo mirata ad adottare un codice di condotta che vieta l’uso del discorso dell’odio da parte dei suoi membri e che prevede sanzioni in caso di violazione della norma.

“Infine, la polizia, in particolare il Dipartimento di criminologia ad alta tecnologia, le LPD, le associazioni dei giornalisti, le ONG e altri soggetti interessati dovrebbero controllare regolarmente il discorso sull’odio su Internet e assicurare che il discorso informatico di odio e il discorso dell’odio in altri media siano segnalati agli organi competenti”, continua la relazione.

(Newsweek, ECRI, 16.05.2017)

http://www.newsweek.rs/srbija/83331-zabrinjavajuci-izvestaj-saveta-evrope-drastican-porast-govora-mrznje-u-srbiji.html

http://www.coe.int/t/dghl/monitoring/ecri/Country-by-country/Serbia/SRB-CbC-V-2017-021-ENG.pdf

 

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top
Altro... calcio, Consiglio d'Europa, diritti umani, LGBT
Disabilità e diritti umani in Serbia: le raccomandazioni dell’ONU

Arresti e lotta alla criminalità, il marketing elettorale del partito di Vucic

Chiudi