Ecco il rapporto sullo stato dei diritti umani in Serbia nel 2021

Secondo un rapporto del Dipartimento di Stato americano sullo stato dei diritti umani in Serbia lo scorso anno, la Serbia ha affrontato una serie di sfide in materia di diritti umani nel 2021 e il governo avrebbe adottato alcune misure per identificare, indagare, perseguire e punire i funzionari responsabili di violazioni dei diritti umani dopo che gli abusi erano stati esposti all’opinione pubblica.

Il rapporto del Dipartimento di Stato afferma che molti osservatori ritengono altresì che numerosi casi di corruzione, violenza sociale e domestica, attacchi alla società civile e altri abusi in Serbia non siano stati denunciati e non siano stati puniti. Il Dipartimento di Stato rimarca “gravi restrizioni alla libertà di espressione e ai media, comprese violenze, minacce, arresti arbitrari e procedimenti giudiziari di giornalisti, nonché numerosi atti di grave corruzione nel governo”.

Il documento afferma anche che ci sono stati atti criminali che includono violenza o minacce di violenza contro persone con disabilità, nonché violenza contro la popolazione LGBTQI. Il Dipartimento di Stato ricorda nella valutazione che l’organizzazione non governativa “Freedom House” ha contrassegnato la Serbia come un “regime ibrido” e “uno Stato in cui lo stato delle libertà fondamentali e delle istituzioni democratiche ha continuato a deteriorarsi senza segni di miglioramento”.

Nel rapporto viene citata anche la conclusione dell’organizzazione “Reporters sans frontières” (RSF) del 2021, secondo cui “la Serbia è un paese fatto da istituzioni deboli” e allo stesso tempo è preda di notizie false che “diffondono media sensazionalisti con il sostegno del governo”. Si afferma inoltre che le autorità serbe “hanno utilizzato la pandemia per limitare la libertà dei media” e che i tabloid “hanno continuato a essere un popolare e potente canale di disinformazione”.

Il documento trasmette anche i dati dell’Associazione indipendente dei giornalisti della Serbia che denuncia 95 attacchi registrati contro dei giornalisti nel 2021. Il rapporto afferma che nel 2021 i rappresentanti del governo hanno ricevuto molto più spazio sui media rispetto ai politici dell’opposizione e che la maggior parte dei media è stata apertamente dalla parte del governo nonché come il Presidente della Serbia, Aleksandar Vučić, sia stato rappresentato positivamente nell’85% dei i suoi discorsi.

Il documento riporta anche i dati dell’organizzazione non governativa “CRTA” secondo cui il 65% dei cittadini serbi ritiene che la corruzione sia molto pronunciata nel Paese e che lo Stato sia inefficace nella lotta alla corruzione. Si afferma inoltre che la pressione politica sulla magistratura è ancora preoccupante e si evidenziano pressioni del Governo sui soggetti che hanno criticato la magistratura. Il rapporto conclude che “funzionari governativi e parlamentari hanno continuato a commentare pubblicamente indagini in corso, procedimenti giudiziari o il lavoro di singoli giudici e pubblici ministeri”.

https://www.rts.rs/page/stories/sr/story/9/politika/4775690/stejt-department-izvestaj-o-ljudskim-pravima-srbija-2021.-godina.html

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top