Ecco i 100 più grandi debitori della Serbia

La Banca nazionale serba ha pubblicato un elenco delle 100 società con i più alti blocchi dei conti alla fine del 2021, il cui indebitamento totale ammonta a 83 miliardi di dinari (circa 705 milioni di euro) al 31 dicembre dello scorso anno.

La prima della lista è la società “Ladinvest” di Belgrado, con un importo bloccato di 3,6 miliardi di dinari (circa 30 milioni di euro), e una illiquidità lunga 2.795 giorni. La società “Reks Komerc” di Nis ha invece il record di ben 18 anni di illiquidità o 6.616 giorni, con un blocco del conto di 375 milioni di dinari.

Tra le società pubbliche, la “PEU Resavica” è bloccata da 3.260 giorni, e l’importo del blocco di questa società pubblica per lo sfruttamento sotterraneo del carbone è di 1,2 miliardi di dinari. Anche la “Beli izvor Vrnjacka Banja”, è bloccata a causa di circa 450 milioni di dinari di debito (il numero di giorni illiquidi è 1.697). In lista anche la compagnia statale “Železnice Srbije”, con 2.217 giorni di giorni illiquidi e un importo del blocco di 889 milioni di dinari.

Diverse aziende non sono state in grado di adempiere ai propri obblighi da dieci anni, come l'”Agencija za krizni menadžment” di Novi Sad con 4.730 giorni di illiquidità e un blocco di 3,2 miliardi di dinari. Inoltre, il conto della società “Šumadija – Dedinje” di Belgrado è illiquido da 4.624 giorni. Nella lista infine c’è anche la “Luka Beograd” di Belgrado con 2,4 miliardi di dinari di blocco e un numero di giorni illiquidi pari a 576.

https://novaekonomija.rs/vesti-iz-zemlje/sto-najve%C4%87ih-du%C5%BEnika-u-blokadi-za-705-miliona-evra

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

scroll to top