DW: “Vucic e i suoi costantemente in campagna elettorale”

Per i progressisti la campagna elettorale è sempre in pieno svolgimento e ci sono sempre sufficienti nemici. L’opposizione, prima dell’annunciato “dialogo” sulle condizioni elettorali, è invece in una posizione difficile, commenta il giornalista di “Deutsche Welle” Dragoslav Dedović.

“Aleksandar Vučić probabilmente non è in modalità pre-elettorale solo quando dorme profondamente. È un politico che lavora meglio quando l’atmosfera si fa aggressiva. Quindi, quando non c’è un dramma, deve produrlo. Colpi di stato, tentativi di omicidio, cospirazione mondiale. La pandemia lo ha portato alla sua temperatura di lavoro naturale”, riferisce “Deutsche Welle” (DW).

La modalità pre-elettorale consta di urla ai giornalisti, all’opposizione e ai nemici assenti, violazione della Costituzione, ubiquità sui canali tv: tutto questo appartiene allo stile egoistico riconoscibile del governo: io sono il partito. Il partito è lo Stato. Io sono lo Stato.

Tuttavia, l’idillio progressista è stato rovinato da alcuni criminali che hanno massacrato delle persone, e si dice siano vicini al vertice, così come dalle intercettazioni su Vučić mentre stava telefonando ad alcuni di loro.

Qualcosa si è rotto anche tra Aleksandar Vučić e Nebojša Stefanović. Così i progressisti, spaventati dall’esperienza delle elezioni locali a Zajecar, hanno iniziato a metterci delle pezze. Zajecar è stato un errore nell’elaborato sistema progressista, anche se tutto è stato fatto secondo una ricetta collaudata: la Jeep e una forte campagna di funzionari negata da Ana Brnabić.

I progressisti sono preoccupati perché le persone che si fidano più di un uomo onorevole che della combinazione progressista di pressioni, compravendite e favole politiche sono aumentate in modo preoccupante.

Qualcuno crede che si dirà nell’opinione pubblica che il Presidente non ha diritto ad eccedere nei suoi poteri costituzionali? E che i pretoriani mediatici di Vučić saranno davvero più equilibrati? Che l’ostinazione sparirà dal parlamento, e tutto questo in pochi mesi, per volontà degli eurodeputati e in nome del fair play? E se nessuno ci crede, cosa fare? Stare zitti?

Il dilemma nell’opposizione è terribile. Se non ci provi, sei un disfattista. Se ci provi, hai poche possibilità di successo. Djindjic una volta disse che quando Sisifo spinge la pietra su per la collina, la maggior parte dei serbi tifa per la pietra. In questa storia, Sisifo è l’opposizione e la pietra è Vucic. Forse l’unica consolazione è il pensiero di Albert Camus, cosicché forse possiamo immaginare Sisifo felice.

E Bruxelles non è ancora pronta a mobilitare importanti divisioni politiche in nome della democrazia serba. Vucic lo sa. Ma sa anche che un altro parlamento monopartitico chiuderebbe comunque alcune porte. In un rapporto sugli inesistenti progressi della Serbia nell’adesione all’UE, la Commissione europea ha rilevato in ottobre “l’assenza di un’opposizione sostenibile in parlamento”. Se potesse scegliere, Vučić consentirebbe all’opposizione di essere presente, ma non di essere sostenibile.

Gli andrebbe bene se altri tre o quattro gruppi entrassero in parlamento per occupare un massimo del 30% dei seggi. Ciò non danneggerebbe la distribuzione del potere, ma sarebbe un ottimo alibi per il governo autocratico.

DW: Vučić samo u dubokom snu nije u predizbornom modusu

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top
Altro... Aleksandar Vucic, campagna elettorale, DW, Unione europea
Sulle spalle delle future generazioni il peso del debito pubblico serbo

CRTA: “Vučić presente in TV 29 volte solo nell’ultimo mese”

Chiudi