DW: Haradinaj potrebbe essere estradato all’Aia

Secondo le indiscrezioni pubblicate da Deutsche Welle (DW), Ramush Haradinaj potrebbe essere estradato dalla Francia direttamente al Tribunale speciale per i crimini dell’UCK presso L’Aia.

Il capo dell’Ufficio serbo per le accuse di crimini di guerra, Milan Petrovic, ha confermato la possibilità di una estradizione diretta all’Aia. Gli atti sono stati trasmessi, e tutto ciò che le istituzioni serbe e kosovare possono fare ora è attendere la decisione sulla sua estradizione.

La corte francese avrà l’ultima parola sul destino del leader dell’UCK. Belgrado sostiene che, in base alle dichiarazioni rese da 30 testimoni, Haradinaj è responsabile dell’uccisione di 13 persone, compresi bambini. Importante è sottolineare che le autorità serbe insistono sulla necessità di processare Haradinaj per crimini commessi prima del 1999, che il Tribunale dell’Aia non aveva nemmeno preso in considerazione.

“Ci aspettiamo che Haradinaj possa essere estradato in Serbia”

La Serbia si aspetta che il giudice francese dia il consenso per estradare Ramush Haradinaj nel paese, sostiene Milan Petrovic. “Ce lo aspettiamo perché si tratta di una pura questione giuridica che non ha nulla a che fare con la politica, e ciò viene testimoniato dagli eventi che abbiamo indicato nella nostra richiesta di estradizione”, aggiunge Petrovic.

Il funzionario non è stato in grado di rivelare i dettagli della richiesta di estradizione, perché “i testimoni indicati nella richiesta sono considerati particolarmente vulnerabili, e rivelare qualcosa sul contenuto della domanda potrebbe compromettere la riservatezza delle indagini e la sicurezza sia delle vittime che dei testimoni”.

Petrovic aggiunge che, nonostante il fatto che agli investigatori sia stato impedito di esaminare la posizione dei crimini commessi perché le autorità giudiziarie serbe hanno accesso limitato ad essi, prove concrete sono state raccolte.

Haradinaj finirà a L’Aia?

“Se dovessi scommettere, direi che Haradinaj ha più probabilità di essere estradato all’Aja che in Serbia”, dichiara Milivoje Mihajlovic, direttore di Radio Belgrado e reporter di esperienza in Kosovo. “Il caso potrebbe anche risolversi nella liberazione di Haradinaj, o nella sua estradizione all’Aia, che, in un certo senso significherebbe la riapertura di questo tribunale speciale. Sebbene non credo che la Francia sia desiderosa di estradare Haradinaj in Serbia”, conclude Mihajlovic.

(B92, Deutsche Welle, 23.01.2017)

http://www.b92.net/info/vesti/index.php?yyyy=2017&mm=01&dd=23&nav_category=11&nav_id=1223022

http://www.dw.com/sr/haradinaj-bli%C5%BEi-hagu-nego-beogradu/a-37233783

Un piccolo favore

Dal 2013 il Serbian Monitor offre gratuitamente ai suoi lettori una selezione accurata delle notizie sulla Repubblica di Serbia, un impegno quotidiano che nasce dal genuino desiderio di offrire un'informazione senza distorsioni su un paese troppo spesso vittima di pregiudizi e superficialità. Da novembre 2016 questo servizio viene proposto in inglese e in italiano, con sempre più articoli originali per offrire un quadro completo sull'economia, la politica, la cultura e la società del paese balcanico. Il nostro archivio è completamente gratuito, a disposizione di chiunque voglia conoscere il paese, studiarne specifici aspetti o esserne costantemente aggiornato. Questo progetto potrà proseguire solo grazie all'aiuto dei lettori, cui chiediamo un piccolo sostegno economico per continuare a garantire un'informazione sempre più ricca di contributi originali. Se apprezzate il nostro lavoro vi invitiamo a cliccare il tasto qui sotto

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top
Altro... Francia, Haradinaj, Kosovo, tribunale dell'Aja
Vucic: dialogo con Pristina proseguirà

Hoxhaj: sollecitare la Serbia a rapporti di buon vicinato

Chiudi