Dugalic: La Serbia è diventata una grande macchina per il riciclaggio di denaro sporco

Il dottor Veroljub Dugalić, professore presso la Facoltà di Economia di Belgrado, è stato ospite del programma televisivo Uranak, nel quale ha spiegato le attuali tendenze inflazionistiche in Serbia, ma ha anche parlato della decisione della Banca Nazionale di Serbia di aumentare i tassi di interesse di riferimento al 4,5%.

“In poche parole, le persone che hanno un prestito vedranno aumentare le loro rate. Come siamo finiti in questa situazione? L’inflazione è diventata un problema importante al livello globale. Se l’inflazione è al 12%, non è logico che i tassi di interesse siano al due, tre, quattro per cento. Le banche centrali e la Banca Nazionale di Serbia hanno aumentato il tasso d’interesse di riferimento in modo graduale, perché grandi salti improvvisi di solito causano grandi shock. Questo non va bene. Questo sta accadendo già per l’ottava volta consecutiva”, ha avvertito il professor Dugalić.

Ha anche toccato il tema della crescita del tasso d’interesse di riferimento.

“È difficile dire quanto possa salire il tasso d’interesse di riferimento perché non sappiamo quanto sarà alta l’inflazione. Se l’inflazione sarà del 30%, anche il tasso d’interesse di riferimento aumenterà. Se l’inflazione si mantiene intorno al 12-15%, il tasso d’interesse di riferimento non salirà troppo. Man mano che l’inflazione cresce, cresce anche il tasso d’interesse di riferimento. Guardando al passato, abbiamo sempre avuto il problema dell’inflazione, più o meno accentuata, tranne negli ultimi anni in cui è stata davvero minima”, ha aggiunto il professor Dugalić.

Coloro che governano il mondo ritengono che il pericolo dell’inflazione sia maggiore di quello della recessione che l’economia mondiale subirà, afferma il professore.

La recessione può essere affrontata, ma una volta che l’inflazione inizia, di solito va fuori controllo ed è difficile fermarla”. La fluttuazione dell’inflazione nel nostro paese è sempre stimolata da un’ampia offerta di denaro, cioè da una politica monetaria espansiva, e noi non l’abbiamo avuta. In questo caso, è tutta una questione di cattiva concorrenza. I produttori di alimenti hanno approfittato della situazione attuale e hanno aumentato i prezzi dei loro prodotti che, a loro volta, portano a un aumento generale di tutti i prezzi di mercato. Quando il prezzo dell’elettricità aumenta, si verifica anche un aumento generale dei prezzi”, ha dichiarato Veroljub Dugalić.

Il professor Dugalić sottolinea anche che il riciclaggio del denaro è diventato un grosso problema in Serbia.

“La vendita rapida di appartamenti è un problema particolare, un fenomeno, se vogliamo. Pochissimi appartamenti vengono acquistati con l’aiuto di prestiti, cioè la maggior parte di essi viene acquistata in contanti. Sarebbe normale che l’Amministrazione fiscale interrogasse gli acquirenti di appartamenti e chiedesse loro come hanno fatto a trovare 300.000 euro in contanti per comprare un appartamento. In genere, le transazioni di acquisto e vendita vengono effettuate in contanti. La Serbia è diventata una grande macchina per il riciclaggio di denaro. Dall’estero arrivano enormi quantità di denaro e il prezzo degli immobili continua a crescere. Tutto questo si è aggravato con l’arrivo dei russi e ucraini. Ultimamente in Serbia sono arrivati molti soldi e uno dei modi per proteggere le attività finanziarie è investire nel settore immobiliare”, conclude il professor Dugalić.

(Seebiz.eu, 13.11.2022)

https://www.seebiz.eu/ekonomija/dugalic-srbija-je-postala-velika-perionica-novca/284182

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

scroll to top