Dove è stato prodotto il vaccino antinfluenzale?

L’epidemiologo Zoran Radovanović, che ha insistito mesi per scoprire la verità sul numero esatto di persone infette e morte da coronavirus, sta ora indagando se il nuovo vaccino antinfluenzale, la cui distribuzione è iniziata in Serbia nelle strutture sanitarie, sia stato realmente prodotto nell’Istituto “Torlak” di Belgrado.

Il vaccino antinfluenzale dell’Istituto “Torlak” è stato distribuito in Serbia giorni fa, prima 50.000 dosi, poi tutte le altre 250.000.

“E’ difficile arrivare alla verità, perché nessuno lo ammetterà. È quasi certo che qualcosa puzza. Ecco perché ho fatto domande, ma, ovviamente, non rispondono”, dice Radovanović.

Una cosa strana dice è anche il fatto che non ci sono informazioni nel sito ufficiale dell’Agenzia per i medicinali e i dispositivi medici sul rilascio di un certificato, il che, afferma Radovanović, è molto strano.

“Il certificato di analisi può essere evitato in alcune circostanze straordinarie, ma ora non siamo in tali circostanze”.

“Non puoi fare un vaccino senza uova. Queste sono informazioni che ho ricevuto dagli addetti ai lavori che ora hanno paura di perdere il posto. Non posso fare nomi ma è indicativo che abbiano detto che non c’erano uova. Le uova sono state procurate di recente, la consegna avrebbe dovuto essere completata ieri mentre il vaccino del “Torlak” è in vendita da diversi giorni. Com’è stato prodotto?” si chiede Radovanović.

Lo stesso ha affermato di aver ricevuto informazioni sul fatto che il vaccino sia stato procurato in flaconi, e successivamente versato in confezioni individuali.

Ricorda inoltre che il vaccino è stato testato su soldati e agenti di polizia, motivo per cui si è consentita la distribuzione alla popolazione di età compresa tra i 18 e i 65 anni.

“L’Agenzia per i medicinali e i dispositivi medici non poteva andare oltre. Solo la fascia lavorativa e attiva della popolazione ha partecipato al test”, afferma l’esperto, sottolineando anche che si sta cercando una “soluzione astuta”, quindi in alcune unità sanitarie offrono il vaccino ma sotto la propria responsabilità individuale.

Radovanović: Muvaju s vakcinom na Torlaku, nešto tu smrdi

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top