Dopo turismo e ospitalità, la pandemia ha colpito duramente l’industria creativa: toccato anche l’IT

I settori del turismo e dell’ospitalità sono stati i più colpiti dalla pandemia da COVID-19, seguiti dall’industria creativa, dai trasporti e dallo stoccaggio, e la crisi si è riversata anche nel settore IT e nell’industria; sono i risultati del secondo sondaggio “Insieme attraverso la crisi” condotto dalla Camera di commercio serba e dal progetto USAID per la cooperazione allo sviluppo economico.

Le capacità produttive e di servizio sono state ridotte in due terzi delle aziende, ma la maggioranza assoluta dei datori di lavoro, l’85%, è riuscita a mantenere lo stesso numero di lavoratori di prima della crisi. Un terzo degli intervistati prevede il recupero parziale o completo della capacità.

Scopri quali sono stati i principali investimenti esteri in Serbia nel 2019: clicca qui!

Il sondaggio condotto dal 21 al 27 aprile, a cui hanno partecipato 1.000 aziende, ha dimostrato che il lavoro da casa, gli orari di lavoro limitati, l’incapacità di arrivare fisicamente ai clienti, nonché l’illiquidità, sono gli effetti più grandi avvertiti dall’economia nella settima settimana di crisi portata dal coronavirus. I risultati dell’indagine indicano nuovamente l’elevata sensibilità del settore privato al problema della liquidità, e le maggiori sfide a questo proposito sono l’incapacità di coprire i costi operativi di base e i problemi nella raccolta di crediti dai partner commerciali nazionali.

Le imprese si sono adattate alla crisi in diversi modi; una su due ha organizzato il lavoro parzialmente da casa, mentre il 43% ha ridotto il numero di ore lavorative. Un terzo delle società ha avviato trattative con i creditori per rinviare il rimborso del debito e un quinto delle società è stato costretto a chiudere parte dei processi lavorativi.

A seconda delle dimensioni i più minacciati sono gli imprenditori e le microimprese, e quasi tutte le società prevedono un calo delle vendite e dei profitti entro la fine del 2020.

Poco più di un quinto degli intervistati, il 21%, è riuscito a cambiare rapidamente il modo di fare affari, il che indica che quelle società erano le più pronte ad affrontare la crisi. Il sondaggio mostra che esiste un potenziale per ulteriori progressi, poiché un’azienda su tre può adattarsi parzialmente o completamente a fare affari online.

Quasi tutte le medie e grandi aziende hanno un sito web, il numero di aziende con vendite sul web è aumentato, e un’azienda su cinque vende prodotti o servizi attraverso un e-shop. Sebbene la vendita più ottimale via Internet sia quella in cui ai clienti vengono offerte tutte le opzioni di pagamento, esiste solo una piccola percentuale di aziende che offrono ai clienti più di una o tutte le opzioni.

Nella settima settimana di crisi, gli uomini d’affari stimano che, supponendo che la crisi si sia conclusa negli ultimi giorni di aprile, in media avranno bisogno di più tempo per riprendersi di quanto prevedessero all’inizio. I tempi di recupero sono generalmente stimati in 3-6 mesi o 6-12 mesi. Il tempo di attesa delle difficoltà nella riscossione dei crediti si è spostato principalmente verso il periodo di inizio autunno.

La stragrande maggioranza delle entità aziendali ha fatto uso delle misure di aiuto di Stato e quelle che gli uomini d’affari hanno giudicato più utili sono l’assistenza diretta al settore MMSP attraverso il pagamento del salario minimo, il differimento delle imposte su stipendi e contributi, il differimento degli anticipi e i sistemi di garanzia a sostegno dell’economia. Un numero significativo di uomini d’affari tra il 10 e il 14% necessita di ulteriore assistenza nell’uso delle misure di aiuto di Stato.

L’indagine mostra che il declino degli affari nei settori dei trasporti, del turismo e dell’industria influenza significativamente il declino degli affari delle altre imprese che gravitano nella stessa catena di approvvigionamento. La maggior parte delle aziende, i due terzi, ha cambiato fino a 30 dei propri fornitori e fino a 100 dei propri clienti commerciali.

https://www.ekapija.com/news/2885350/posle-turizma-i-ugostiteljstva-korona-najvise-pogodila-kreativnu-industriju-kriza-se-prelila

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
More in industria creativa, IT, pandemia
stipendi
Mali: “In arrivo il pagamento del secondo salario minimo; l’economia si sta rialzando”

Vučić con gli ambasciatori dei Paesi Quint su integrazione nell’UE ed elezioni

Close