Djilas sul conto alle Mauritius: “Hanno falsificato sia il conto che il codice swift”

Il presidente del Partito Libertà e Giustizia (SSP), Dragan Djilas, sporgerà accuse penali contro il redattore capo di “Vecernji Novosti”, Milorad Vucelic, la squadra investigativa dello stesso giornale, il Ministro Sinisa Mali e il Presidente serbo Aleksandar Vucic rei di aver falsificato un documento sul suo presunto conto bancario alle isole Mauritius. “Oltre a falsificare un conto di 5,7 milioni di euro in una banca che non esiste da due anni, afferma Djilas, hanno anche falsificato il codice swift, che è un crimine per il quale si rischia una pena detentiva”.

“Presenterò accuse penali contro il redattore capo di “Večernji novosti”, Milorad Vučelić, il gruppo stesso, e Vladanka Malović, che ha annunciato sul sito web del Partito progressivo serbo che il testo sarebbe stato pubblicato. Presenterò anche una denuncia contro Siniša Mali e Aleksandar Vučić, che hanno annunciato questo testo giovedì la scorsa settimana. È chiaro che hanno falsificato i documenti con l’obiettivo di ingannare l’opinione pubblica. È un crimine per il quale si rischia una pena detentiva di cinque anni”, ha detto Djilas.

Secondo lui è assolutamente impossibile avere un conto con questo importo alle Mauritius, perché la “Deutsche Bank” non è più presente lì dal 7 dicembre 2018.

“Pertanto, è assolutamente impossibile che il 12 dicembre 2020 ci siano 5,7 milioni di euro sul conto della società “Ascanijus”, che viene riferito a me. È impossibile perché non c’è la banca. È facile determinarlo e qualcuno lo ha fatto e l’ha postato la sera stessa su Twitter”, ha detto Djilas e poi ha mostrato che quando si chiama il numero di telefono del sito della banca, il numero non è valido.

“I telefoni non sono in uso e questa banca non ha la possibilità di emettere un documento di questo tipo indicando questo importo e tale transazione. Per quanto riguarda l’azienda che stanno cercando di affibbiarmi con questo documento contraffatto, si tratta di un’azienda che esiste dal 2011 ed è di proprietà di quest’uomo, Fared Sobadar. Vedete che non c’è nessuna somiglianza tra me e quest’uomo, fortunatamente per lui, ovviamente. Lui è il titolare dell’azienda. È un’azienda che nel 2019 ha realizzato un fatturato di soli 21.000 euro tramite il proprio conto. E non c’è possibilità che ci siano questi 5,7 milioni di euro, come annunciato da “Vecernje novosti”, e ripetuto da tutti gli altri media sotto il controllo di Aleksandar Vučić e del partito SNS”, ha affermato Đilas.

“Qui si vede l’elenco ufficiale di tutte le banche che sono registrate e lavorano in questo Stato insulare. Potete vedere di persona che questa non è una banca, perché non è nel registro delle banche che operano alle Mauritius. È un fatto molto interessante anche lo swift, che è un sistema di canali sicuri che invia e scambia messaggi, come trasferimenti di denaro, pagamenti, prelievi, vari messaggi, richieste, addebiti…Questo codice swift per la “Deutsche Bank” non è più attivo e non può essere utilizzato. Da tutto ciò è più che chiaro che si tratta di un falso. Per tutto ciò, lo ripeto ancora una volta, sporgerò accuse penali contro Vučelić, il presunto gruppo di ricerca di “Večernji novosti”, contro le persone che ne hanno parlato, ma anche contro lo stesso Presidente della Repubblica, che sta dietro a tutto questo… Una cosa è quando dici che ho rubato 619 milioni di euro, che sono un ladro e un criminale, una cosa è quando dici che Marinika Tepic ha preso 200.000 euro da Veljko Belivuk; queste sono bugie e calunnie per le quali devi pagare. Quando falsifichi un documento, è un crimine e segue una condanna al carcere”, ha continuato Djilas.

Riferendosi alla presunta azienda in Svizzera, Djilas ha dichiarato:

“Questa è un’azienda che ho fondato nel 2014. Abbiamo ricevuto il verbale della Banca Nazionale di Serbia sul controllo della società “Multikom”, una parte speciale è dedicata alla società “Multikom open”. Non ci sono obiezioni sul modo in cui è stata fondata la società, su come ho ricevuto i soldi in Serbia e pagato le tasse e poi fondato parte della società lì, su come è stata trasferita e sul fatto che nessuna legge è stata violata”.

Đilas o Mauricijusu: Falsifikovali su račun i bankovni kod

 

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top