Djilas: “La Serbia si sta trasformando in una colonia con la vendita di tutto ciò che ha”

Dragan Djilas, presidente del Partito per la libertà e la giustizia (SPP), ha dichiarato ieri che vendendo “Komercijalna Banka”, lo Stato serbo continua a vendere tutto ciò che possiede e che la Serbia è stata trasformata in una colonia.

“Come è possibile vendere una banca il cui valore contabile del patrimonio netto è di 613 milioni di euro per soli 450 milioni di euro? Che ha realizzato un utile netto di 75 milioni l’anno scorso, ha 512 milioni in contanti e 1,2 miliardi di titoli e le cui azioni sono state riacquistate a un prezzo molto più elevato l’anno scorso?!” si è chiesto Djilas.

Scopri quali sono stati i principali investimenti esteri in Serbia nel 2019: clicca qui!

Lo stesso ha stimato che la vendita di “Komercijalna Banka” è particolarmente dannosa perché la proprietà statale nel settore bancario scende solo al 5% delle attività bancarie totali, mentre in Olanda è superiore al 20% e in Germania fino al 30%, quindi il settore bancario nazionale sarà ulteriormente vulnerabile quando arriverà qualche nuova crisi finanziaria.

“Vucic e il suo regime hanno venduto la “PKB”, 32.000 ettari di terra fertile agli stranieri, Galenik, la RTB Bor con le maggiori risorse minerarie. Hanno preso miliardi di euro in prestiti da Cina, Russia, Turchia e in questi giorni, in accordo con il FMI, hanno venduto l’unica seria banca nazionale. Con la vendita di “Komercijalna Banka” continua la vendita di tutto lo Stato, e la Serbia si trasforma in una colonia”, ha aggiunto Djilas.

https://www.danas.rs/politika/djilas-srbija-se-pretvara-u-koloniju-prodajom-svega-sto-ima/

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
More in Aleksandar Vucic, Djilas, Komercijalna Banka, Serbia
In formazione un database delle rimesse di denaro per la diaspora

Il Papa e la Merkel i leader mondiali più popolari; in Serbia vince Putin

Close