Djilas e Jeremic con i funzionari europei a Bruxelles: Il regime di Vucic ha perso la sua legittimità

I fondatori dell’Alleanza per la Serbia, Dragan Djilas e Vuk Jeremi, si sono incontrati oggi a Bruxelles con i rappresentanti della Commissione europea, per parlare dei disordini politici in Serbia e delle richieste dei cittadini, che ogni settimana in gran numero protestano in tutto il paese.

Durante i colloqui con i funzionari europei Djilas ha detto che “l’opposizione ha raggiunto un accordo di non partecipare più al lavoro con le istituzioni in cui la democrazia è sospesa” e ha aggiunto che la normalità può essere stabilita solo attraverso il mantenimento di elezioni completamente eque a tutti i livelli.

Secondo un comunicato stampa dell’Ufficio federale di statistica, Djilas e Jeremic hanno comunicato al presidente della delegazione del Parlamento europeo per le relazioni con la Serbia, Eduardo Kukan, che non ci saranno elezioni legittime fino a quando non saranno stabilite le condizioni come in altri paesi europei.

“La Serbia non è più un paese libero, e il regime di Aleksandar Vucic è una aperta violazione della Costituzione e delle leggi, così come è un’abuso senza precedenti delle istituzioni statali e ha perso la sua legittimità democratica”, ha detto Jeremic, presidente del Partito popolare.

Djilas e Jeremic, hanno chiesto ai funzionari europei di stabilire un dialogo strutturato con i rappresentanti delle proteste civili al fine di ottenere una visione completa della situazione politica e sociale del paese.

Il Parlamento europeo ha confermato che i colloqui con l’opposizione proseguiranno nel corso di una visita a Belgrado da parte del presidente della Commissione per la Politica estera, David McAllister, alla fine del mese.

Photo Credits:”Savez Za Srbiju”
https://www.danas.rs/politika/jeremic-i-djilas-sa-evropskim-zvanicnicima-u-briselu-rezim-je-izgubio-legitimitet/?fbclid=IwAR3BmsfBLFZgO4R0kcKhYu6USCj-NsWDIPoH47q44CS0cy0vS7wCyMW2pkQ

Share this post

scroll to top
Altro... David McAllister, Dragan Djilas, Eduardo Kukan, proteste, Serbia, ue
Haradinaj e Maja Kocijancic in disaccordo sulla miniera di Trepca

Tatjana Matic: in Serbia, circa il 94% dei giovani ha un profilo sui social network

Chiudi