Avviata discussione pubblica sul disegno di Legge di Bilancio 2017

Durante la giornata di ieri, mercoledì 7 novembre, i deputati serbi hanno avviato una discussione pubblica sui 300 emendamenti al disegno di Legge di bilancio 2017 e al relativo regolamento.

Il Ministro delle Finanze, Dusan Vujovic, dice che il dibattito continuerà nelle giornate di giovedì e venerdì allo scopo di migliorare il disegno di Legge.

Le entrate previste dal bilancio nel 2017 dovrebbero corrispondeere a 1.029 miliardi di dinari, e le spese a 1.162 miliardi di dinari (1.119 miliardi nel 2016), il che porta il deficit di bilancio a 69,1 miliardi di dinari (1,7% del PIL nazionale).

La discussione generale sul disegno di Legge di bilancio si è conclusa martedì, quando il premier serbo Aleksandar Vucic ha tenuto un discorso al Parlamento nazionale dichiarando il bilancio realistico e sostenendo che il deficit di bilancio previsto è il più basso nella storia moderna serba.

I deputati dell’opposizione, tuttavia, sostengono che il deficit è più basso a scapito dei cittadini e dell’economia. Con la crescita del PIL nel 2017, il bilancio dovrebbe salire al 3%, e il tasso annuo di inflazione attestarsi al 2,4%.

(Beta, 07.12.2016)

http://beta.rs/ekonomija/ekonomija-srbija/48062-pred-poslanicima-oko-300-amandmana-na-predlozeni-budzet

Un piccolo favore

Dal 2013 il Serbian Monitor offre gratuitamente ai suoi lettori una selezione accurata delle notizie sulla Repubblica di Serbia, un impegno quotidiano che nasce dal genuino desiderio di offrire un'informazione senza distorsioni su un paese troppo spesso vittima di pregiudizi e superficialità. Da novembre 2016 questo servizio viene proposto in inglese e in italiano, con sempre più articoli originali per offrire un quadro completo sull'economia, la politica, la cultura e la società del paese balcanico. Il nostro archivio è completamente gratuito, a disposizione di chiunque voglia conoscere il paese, studiarne specifici aspetti o esserne costantemente aggiornato. Questo progetto potrà proseguire solo grazie all'aiuto dei lettori, cui chiediamo un piccolo sostegno economico per continuare a garantire un'informazione sempre più ricca di contributi originali. Se apprezzate il nostro lavoro vi invitiamo a cliccare il tasto qui sotto

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

scroll to top