Disabilità e diritti umani in Serbia: le raccomandazioni dell’ONU

Le persone con disabilità in Serbia affrontano numerosi ostacoli in termini di accesso a giustizia, istruzione, occupazione e partecipazione politica.

Inoltre, il collocamento forzato in istituzioni mediche, l’isolamento e il trattamento forzato di un gran numero di persone con disabilità mentale, intellettuale e psicosociale costituiscono motivo di preoccupazione.

L’attuale quadro giuridico appare inadeguato a raggiungere gli obiettivi del processo di deistituzionalizzazione e rafforzare un adeguato sostegno basato sulle comunità.

Questi sono solo alcuni degli elementi rilevati dal Comitato per i diritti umani delle Nazioni Unite, che, il 28 marzo, ha reso note le osservazioni conclusive contenute nella terza relazione periodica sulla Serbia relative all’attuazione del Patto internazionale sui diritti civili e politici.

Il Comitato ha anche espresso la sua preoccupazione in relazione agli abusi dei diritti di alcuni gruppi minoritari, e ha sottolineato i singoli segmenti in cui è necessario prendere misure per migliorare la posizione dei gruppi discriminati ed emarginati nella società.

Le osservazioni includono anche una serie di raccomandazioni per il governo serbo, o meglio misure che il governo dovrebbe implementare, vale a dire:

– adottare misure appropriate per garantire che le persone con disabilità non siano discriminate nel godimento dei loro diritti;

– adottare tutte le misure necessarie per attuare una politica di deistituzionalizzazione delle persone con disabilità, accompagnate da un adeguato sostegno basato sulla comunità;

– garantire che qualsiasi decisione in merito all’isolamento, trattamento e trasferimento di persone con disabilità mentali, intellettuali e psico-sociali venga effettuata solo a seguito di una valutazione medica approfondita, e garantire la legalità, la necessità accertata e l’adeguatezza di qualsiasi provvedimento, proporzionalmente alle singole circostanze, assicurando la garanzia di un ricorso effettivo;

– perseguire modifiche legislative al fine di eliminare la completa privazione della capacità giuridica e di rafforzare gli sforzi per ripristinare la capacità giuridica delle persone con disabilità.

Inoltre, il Comitato ha sottolineato la pessima condizione cui sono soggette le donne con disabilità nelle istituzioni e ha raccomandato al governo di garantire risorse tecniche e finanziarie sufficienti e formazione per affrontare il problema della violenza contro le donne e bambini, e di predisporre tutte le misure necessarie per proteggere le donne appartenenti a gruppi vulnerabili.

(MDRI, 04.04.2017)

http://www.mdri-s.org/saopstenja/srbija-da-preduzme-sve-neophodne-mere-da-osobe-sa-invaliditetom-ostvaruju-svoja-prava-bez-diskriminacije/
[widget id=”text-22″]

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top