Difesa: la visita del Ministro russo Shoigu a Belgrado

Il Ministro della Difesa russo Sergei Shoigu è arrivato a Belgrado il venerdì mattina, dove ha preso parte alle celebrazioni organizzate in occasione della Giornata della Liberazione della città.

Shoigu è stato accolto con gli onori militari presso l’Aeroporto della capitale, Nikola Tesla, dal Ministro della Difesa della Serbia Aleksandar Vulin.

Il funzionario russo, all’aeroporto militare Batajnica, ha assistito alla presentazione di una parte delle capacità operative dell’esercito serbo, parte delle celebrazioni per il 73° anniversario della liberazione di Belgrado.

Nel corso della giornata, Shoigu e Vulin hanno posto corone al Monumento ai Liberatori di Belgrado, e al Monumento al Milite sovietico, e si sono recati in visita presso il Tempio di San Sava, dove era in programma un incontro con il Patriarca ortodosso serbo Irinej.

Dopo aver dato il benvenuto cerimoniale a Shoigu, Vulin ha poi incontrato il Ministro della Difesa russo presso il vecchio edificio dello Stato Maggiore. Nel corso dell’incontro, secondo quanto reso noto da una dichiarazione ufficiale, Vulin “ha evidenziato la vicinanza dei due paesi, perché sono sempre stati dalla nostra parte”.

“Nei momenti più difficili della nostra storia, e della vostra, siamo stati dalla stessa parte. Questo è ciò che viene ricordato, questo è ciò che definisce il futuro. Quindi non abbiamo il diritto di essere meno coraggiosi dei nostri antenati”, ha dichiarato Vulin rivolgendosi a Shoigu e ha aggiunto:

“Sa che la Serbia è un paese militarmente neutrale, ma per essere neutrale e indipendente deve essere militarmente forte, quindi, il vostro aiuto è immensamente importante. L’accordo raggiunto dai presidenti Putin e Vucic è anche importante, e grazie ad esso possiamo affermare oggi di avere la capacità di difendere il nostro cielo. Vorrei anche ringraziarti personalmente, so quanto sforzo e lavoro sono stati profusi in questo”.

Dal canto suo, il Ministro Shoigu ha ringraziato Vulin per l’invito a trascorrere insieme la giornata di venerdì.

“73 anni fa, i nostri padri e nonni hanno combattuto spalla a spalla per la liberazione di Belgrado. Ciò è particolarmente importante oggi, quando molti stanno cercando di riscrivere la storia, e quando in alcuni paesi monumenti vengono innalzati a coloro che hanno combattuto contro di noi ed erano dalla parte del fascismo. Non possiamo accettarlo”, ha dichiarato Shoigu, e ha ricordato a Vulin che, durante il loro precedente incontro a Mosca, gli aveva promesso che i sei aerei da guerra, donati alla Serbia dalla Russia, sarebbero stati parte della festa di Belgrado.

“Come si può vedere, sono qui. Mi auguro che gli aerei costituiranno uno scudo sicuro e una garanzia della sicurezza e dell’indipendenza della Serbia”, ha dichiarato il Ministro della Difesa russo.

(b92, 20.10.2017)

http://www.b92.net/eng/news/politics.php?yyyy=2017&mm=10&dd=20&nav_id=102607

http://www.b92.net/eng/news/politics.php?yyyy=2017&mm=10&dd=20&nav_id=102614

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

scroll to top