Deciderà ancora Vučić l’importo del nuovo salario minimo?

I datori di lavoro del settore industriale non sono soddisfatti dell’annunciato aumento del salario minimo per il 2022 a 35.000 dinari e affermano che questo sarà un duro colpo finanziario a causa dei bassi guadagni durante la pandemia. Allo stesso tempo sostengono che il dialogo sociale sia una formalità perché “alla fine il salario sarà come ha detto il Presidente della Serbia, Aleksandar Vučić”.

Il direttore dell’Unione dei datori di lavoro della Serbia, Srdjan Drobnjaković, ha detto all’agenzia “Beta” che l’aumento sarà un grande costo e un duro colpo per il guadagno dei datori di lavoro, e che le piccole e medie imprese saranno particolarmente colpite, aggiungendo che i negoziati tra i sindacati, i datori di lavoro e lo Stato non saranno necessari perché l’anno scorso il salario minimo era tanto quanto detto da Vučić.

“Perché fare trattative per l’importo dello stipendio minimo mensile per il prossimo anno, quando Vučić ha detto che sarà di 35.000 dinari. Parliamo di dialogo sociale, e questi sono i fatti”, ha detto Drobnjaković.

Le trattative sul salario minimo per il 2022 tra datori di lavoro, sindacati e Stato dovrebbero iniziare nella prima metà di agosto di quest’anno, al fine di determinare l’importo finale entro il 15 settembre. Il regolamento prevede che, in caso di mancato accordo, l’importo del salario minimo sia determinato dal governo, come successo lo scorso anno.

L’anno scorso il Presidente della Serbia aveva “calcolato” in anticipo quanto sarebbe stato l’aumento, ed è quello che è successo, e la stessa cosa ha fatto in questi giorni, annunciando un aumento per il prossimo anno, da 32000 a circa 35000 dinari.

Drobnjakovic ha affermato che i datori di lavoro combatteranno perché si aumenti la base non imponibile e che durante la pandemia, quasi nessuno ha aumentato il fatturato per fornire denaro per salari minimi più elevati l’anno prossimo.

“Nessuno ha aumentato il fatturato, da dove pagare stipendi più alti. Non si tratta solo di un aumento del salario minimo, ma anche di tutti gli altri stipendi, perché se il salario minimo viene aumentato, anche gli altri lavoratori chiederanno un aumento dei loro stipendi”, ha affermato Drobnjaković.

Ha sottolineato che lo Stato, se vuole migliorare la posizione dei lavoratori, dovrebbe abolire l’imposta sull’intero salario minimo anziché su una parte. Ha detto che non significa molto per i datori di lavoro che nel 2022 la base non imponibile verrà aumentata da 18.300 dinari a, come ha detto Vučić, 19.300 dinari.

“Se dobbiamo determinare il salario minimo in questo modo, lasciamo che lo Stato abolisca le tasse e i contributi sull’intero salario minimo e così tutti sarebbero soddisfatti”, ha detto Drobnjaković. È necessario, ha concluso, introdurre il sistema fiscale progressivo anziché proporzionale, in modo che chi guadagna di più sia tassato di più.

Poslodavcima NEPOTREBNA priča o minimalcu, jer biće kako VUČIĆ kaže

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top
Altro... Aleksandar Vucic, salario minimo
CRTA: “Non c’è quasi traccia di pluralismo politico nei telegiornali”

salario minimo
Le prossime elezioni fanno aumentare il salario minimo senza una giustificazione economica

Chiudi