Dall’Ue 14,2 miliardi di euro di assistenza finanziaria preadesione per i Balcani

Gli Stati membri dell’UE hanno finalmente dato il “via libera” a circa 14,2 miliardi di euro di assistenza finanziaria di preadesione (IPA III) per il periodo 2021-2027. L’aiuto è destinato ai processi di riforma in Serbia, Albania, Bosnia-Erzegovina, Montenegro, Macedonia del Nord, Kosovo e Turchia.

“I beneficiari saranno sostenuti nell’attuazione delle necessarie riforme politiche, istituzionali, giuridiche, amministrative, sociali ed economiche per allinearsi ai valori dell’Unione e per adeguarsi gradualmente alle regole, agli standard, alle politiche e alle pratiche dell’Unione”, afferma il Consiglio Ue in una nota.

Il Consiglio sottolinea che sarà prestata particolare attenzione agli sforzi relativi ai settori delle riforme fondamentali (stato di diritto e diritti fondamentali, istituzioni democratiche e riforma della pubblica amministrazione, nonché sviluppo economico e competitività).

Al tempo stesso, si sottolinea che il principio della “quota equa” sarà attuato per garantire che il volume e l’intensità dei finanziamenti tengano conto non solo delle prestazioni dei beneficiari, ma anche delle loro effettive esigenze e capacità. Si prevede inoltre che l’ambito dell’assistenza possa cambiare in caso di “regressione significativa o persistente mancanza di progressi da parte del beneficiario in ambiti di riforma fondamentali”.

Questo pacchetto di sostegno, che sarà applicato retroattivamente dal 1° gennaio 2021, sarà suddiviso per la prima volta secondo priorità tematiche, e non come annunciato a Bruxelles, secondo le singole esigenze dei Paesi.

https://www.b92.net/biz/vesti/svet.php?yyyy=2021&mm=09&dd=07&nav_id=1919241

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top