Dall’inizio dell’anno i prezzi della frutta a +52%

L’aumento dei prezzi sopra la media nel periodo gennaio-settembre, in media tra il 2,4 e il 52 percento, viene evidenziato nelle categorie di profotti che in totale rappresentano 42,3% del totale: è questo il risultato delle analisi di mercato del Ministero del commercio.

I prezzi dei prodotti farmaceutici, del combustibile e lubrificanti per veicoli sono aumentati del 2,4%, mentre il prezzo della frutta è aumentato del 52 percento. I servzi postali sono più costosi del 31,2% dall’inizio dell’anno, mentre l’assicurazione e i mezzi di transporto costano 27,6% di più.

Il costo delle riparazioni dell’attrezzatura audiovisiva è aumentato di 11,7%, il tabacco del 9,6%, i servizi veterinari del 8,3%, le vacanze turistiche del 7,9%, i prodotti medici del 6,2%, le attrezzature informatiche del 5,8%, i servizi relativi allo sport del 7,0%, mentre gli interventi di mantenimento e riparazione dei veicoli del 5,3%.

I prezzi dei libri, nonché l’approvvigionamento idrico e i servizi comunali sono aumentati del 5,1%, l’abbigliamento del 4,8%, le automobili del 4,5%, mentre i costi dei servizi di bellezza, dei parrucchieri e dei servizi cosmetici sono aumentati di 4,4%. Inoltre, il prezzo della carne e dei piccoli elettrodomestici è aumentato del 4,1%, per gli affittti degli appartamento si registra un rialzo del 3,8%, il costo dei servizi di calzolaio, nonché dei mobili sono aumentati del 3,7%.

I costi per il soggiorno alberghiero sono aumentati del 3,4%, il prezzo del transporto aereo, nonché dei materiali e dei servizi per la manutenzione degli appartamenti sono aumentati del 3,3%, l’attrezzatura per lo sport, il campeggio e la ricreazione all’aperto del 3%, il latte, il formaggio e le uova, nonché attrezzatura fotografica del 2,9%. I costi dei servizi medici sono aumentati del 2,7%, i mobili e prodotti per l’ufficio del 2,6 %, mentre i mezzi di transporto sono aumentati di 2,5%.

(Politika, 27.11.2014.)

Share this post

scroll to top
Read previous post:
Approvata la legge sulle assunzioni degli stranieri

In Serbia 741.000 disoccupati
Close