Dal 2009 peggiorati gli standard di vita

Il paniere dei beni di prima necessità evidenzia come gli standard di vita dei serbi siano stati migliori tra il 2006 e il 2009, quando il rapporto tra redditi mensili e valore del paniere statistico era pressoché equivalente,  per poi peggiorare drasticamente, a causa dell’incremento delle spese e dei redditi sempre più ridotti.

Secondo i dati del ministro del commercio, tra il 2002 e il 2005 lo sbilancio tra redditi medi mensili e paniere dei beni di prima necessità è stato lieve mentre nel 2006 i redditi medi sono riusciti addirittura a superare il costo dei beni di prima necessità. Tuttavia a partire dal 2009 il rapporto ha iniziato a peggiorare di anno in anno, fino ad arrivare al 2011, quando tra i beni di prima necessità e i redditi mensili medi si è arrivati a una differenza del 40% che si potrae fino ad oggi. 

L’economista Miladin Kovacevic evidenzia che sebbene si registri una riduzione del tasso di disoccupazione non ci sono miglioramenti sul fronte della qualità della vita: “L’occupazione è cresciuta ma non i salari, per cui quando il monte salari viene ripartito tra tutti i cittadini i redditi medi risultano essere calati a livelli miserabili. Dal 2008 in avanti c’è stato un calo complessivo dell’attività economica (quando non si è verificata una crescita del PIL) per cui servirebbero ancora due o tre anni di crescita promessa al 3,5-4% per ritornare agli standard di vita di dieci anni fa”.

(Blic.rs, http://www.blic.rs/vesti/ekonomija/potrosacka-korpa-gradani-su-najbolje-ziveli-tokom-ove-tri-godine-a-kasnije-je/stjx402 )

 

 

Share this post

scroll to top
More in potere d'acquisto, reddito medio
Serbia al 18° tra i paesi più economici in cui vivere

Povertà in calo sulla carta e in crescita nel piatto

Close