Da oggi Belgrado ospiterà i leader di 13 città europee

Il sindaco di Belgrado Sinisa Mali ha annunciato che la città di Belgrado al Capital Summit 2015 si presenterà attraverso il progetto “Belgrado sull’acqua” e tramite i progetti infrastrutturali  legati alla nuova stazione ferroviaria e alla stazione degli autobus.

“Vorremmo lavorare  anche sui progetti di aumento dell’efficienza energetica, ma anche sull’ottimizzazione dei servizi offerti dall’Amministrazione comunale, al fine di migliorare la qualità della vita dei cittadini. Questo è tutto ciò che altre città hanno già fatto, per cui possiamo solo imparare da loro. I partecipanti al Vertice sono le città di Varsavia, Budapest, Vienna, Lubiana, Zagabria, Atene, Sofia, Bucarest, Skopje e altre città della regione, e questa è la prima volta che organizziamo un vertice in collaborazione con l’Alleanza Nazionale per lo Sviluppo Economico Locale (NALED)” , ha detto Mali, sottolineando che grazie all’organizzazione dei grandi eventi Belgrado conferma l’immagine di centro economico e politico di questa parte d’Europa.

“Il Capital Summit sarà l’occasione per discutere sugli argomenti relativi allo sviluppo delle città, e ognuna di queste città presenteranno i loro progetti specifici, i problemi e le sfide. Belgrado può ottenere informazioni utili e applicare una certa esperienza, in modo da non ripetere gli errori degli altri”, ha detto Sinisa Mali, aggiungendo che “da Skopje, possiamo imparare come migliorare il funzionamento dell’Amministrazione Comunale, da Budapest invece, come ricostruzire le parti trascurate della città, mentre da Vienna si può acquisire una  notevole esperienza per quanto riguarda la costruzione di una nuova stazione ferroviaria.”

Il presidente del Consiglio della città  Nikola Nikodijević ha sottolineato che la tavola rotonda sarà tematica, e uno dei temi principali sarà l’integrazione europea, in particolare i fondi di preadesione, che finora Belgrado ha poco utilizzato. “Per poter ottenere i soldi dall’Unione europea, è essenziale avere i progetti pronti, specifici, chiari e concisi. Abbiamo ottimi progetti nel campo delle infrastrutture, mentre le capacità e le funzionalità sono molto maggiori. Tra loro ci sono le questioni del trasporto, della tutela ambientale, della gestione dei rifiuti, nonché dell’efficienza energetica e dell’urbanizzazione del 21esimo secolo” ha detto Nikodijević e ha aggiunto che finora non vi è stato nessun vertice di tale portata a Belgrado, e neanche nelle città della regione.

“Volevamo  riunire le città in un luogo perché Belgrado sta diventando  la capitale economica e politica dell’Europa sud-orientale, e volevamo inoltre inviare un messaggio chiaro della necessità di una cooperazione, perché possiamo aiutarci molto uni agli altri. Ciascuna delle città ha un’area che viene portata ad un livello superiore, così che l’esperienza possa essere utilizzata per facilitare i lavori”, ha detto Nikodijević.

(Danas 22.04.2015)

 

Share this post

scroll to top
More in adesione UE, Belgrado, investimenti, politica estera, Sinisa Mali
Aleksandar Vucic oggi a Brussels per eurointegrazione e Kosovo

Revocato l’invito a Thaci alla riunione dei “Giovani per l’istruzione”

Close