Da lunedì sanzioni a chi non indossa le maschere, orario limitato per i locali notturni e chiusura delle case dello studente

A partire da lunedì, multe di 5.000 o 6.000 dinari a chi non indossa le maschere nei posti chiusi, locali notturni chiusi per due settimane dalle 23:00 alle 6:00 e chiusura di tutti i dormitori studenteschi, ha annunciato il Presidente serbo Aleksandar Vucic.

Tra le nuove misure volte a sopprimere l’epidemia da coronavirus c’è anche quella di limitare gli assembramenti al chiuso a un massimo di 100 persone, e a un massimo di 500 all’aperto.

Scopri quali sono stati i principali investimenti esteri in Serbia nel 2019: clicca qui!

Vučić ha detto che se fosse stato per lui avrebbe chiuso tutta la città di Belgrado e introdotto un coprifuoco di sette giorni, ma si è consultato poi con lo staff di crisi.

“Se le misure non avranno effetto, introdurremo misure più rigorose”, ha affermato il Presidente.

“Qualunque cosa accada, la colpa sarà comunque mia. Ad ogni modo, non voglio rischiare la salute delle persone. Se questo non funziona, vedremo ulteriori misure. Spero che non ci arriveremo”, ha detto Vučić.

Il presidente della giunta della città di Belgrado, Nikola Nikodijevic, ha dichiarato oggi che “il 4% dei cittadini irresponsabili che non indossa le maschere mette in pericolo se stesso e quel 96% che rispetta le misure”, confermando che saranno “sanzionati se continueranno a non rispettare le misure”.

Ricordiamo, nelle ultime 24 ore 359 nuovi infetti sono stati registrati in Serbia, 6 persone sono morte per le conseguenze del virus e 81 pazienti sono attaccati ai respiratori.

Ieri sera Aleksandar Vučić ha dichiarato che dal punto di vista giuridico ed epidemiologico le elezioni in Serbia si sono svolte “in modo perfetto” e che era molto più sicuro andare alle urne “che al negozio per cinque minuti”.

Lo stesso ha affermato che non si è verificato alcun caso di infezione durante le votazioni perché “tecnicamente non era possibile che qualcuno si contagiasse ai seggi elettorali”.

Ha respinto le affermazioni sul crollo della fiducia dei cittadini verso i membri dello staff di crisi del governo, anzi ha affermato che hanno “la massima fiducia del nostro popolo”.

“Non c’è una crisi di fiducia verso lo staff di crisi, semplicemente una parte di falsa élite che odia il mondo intero pensa di essere meglio di loro, e ha condotto una campagna infamante contro persone fantastiche per mesi”, ha denunciato il Presidente.

Lui stesso ha anche valutato che i cinque giocatori di calcio della Stella Rossa, che sono risultati positivi al test, non si sono infettati durante la famosa partita.

“I giocatori di calcio non erano sugli spalti, nessuno è salito sulle tribune, si sono infettati da qualche altra parte. Anche a marzo abbiamo fermato il calcio per ultimo, perché gli esperti sostengono che la possibilità di infezione all’aperto sia molto bassa”, ha dichiarato Vučić, concludendo che la ragione principale dell’aumento del numero di persone contagiate è l’organizzazione di feste, matrimoni, battesimi e celebrazioni al chiuso.

https://www.danas.rs/drustvo/kazne-za-nenosenje-maski-ogranicavanje-klubova-i-zatvaranje-studentskih-domova/

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
More in Aleksandar Vucic, case dello studente, Elezioni, locali notturni
Vučić: “Non è previsto un nuovo pacchetto di aiuti per l’economia, non abbiamo più soldi”

Vucic: “Governo prima della scadenza costituzionale; la questione del Kosovo blocca il cammino europeo”

Close