Da ieri i ristoranti con un giardino possono rimanere aperti fino all’una di notte

E’ entrata in vigore ieri la decisione che le strutture di ristorazione che hanno un giardino, fino al 31 ottobre possano lavorare nei giorni feriali fino all’una di notte, e non solo nei fine settimana. “In questo modo, come città di Belgrado, vogliamo aiutare i ristoratori a superare con maggiore successo le conseguenze economiche dell’epidemia che ha colpito molto il settore dei servizi”, ha detto il vicesindaco della città di Belgrado, Goran Vesić.

Le strutture di ristorazione che si trovano in edifici residenziali possono lavorare nei giorni feriali fino a mezzanotte e trasmettere musica fino alle 23:00, nel rispetto di tutte le restrizioni prescritte in relazione alla regolamentazione dei livelli di rumore. Nei fine settimana l’orario di lavoro è esteso all’una di notte, con la possibilità di trasmettere musica fino a mezzanotte.

Scopri quali sono stati i principali investimenti esteri in Serbia nel 2019: clicca qui!

“Ora, tutte le strutture di ristorazione situate negli edifici residenziali potranno funzionare fino all’una ogni giorno e trasmettere musica fino a mezzanotte. Questa decisione sarà valida fino al 31 ottobre, quando tornerà la normale modalità di funzionamento. La restrizione rimane per il lavoro delle strutture di ristorazione al chiuso, le quali possono lavorare solo fino alle 21”, ha detto Vesić.

Secondo lui, tutte le decisioni sulla protezione della salute prese dallo staff di crisi in merito a disinfezione, maschere, distanza sociale, si applicano nelle strutture di ristorazione, sia all’interno che nei giardini.

“Mi appello ai ristoratori affinché aderiscano a tutte le misure perché così che proteggono la salute dei loro dipendenti e clienti”, ha aggiunto il vicesindaco di Belgrado.

https://www.b92.net/biz/vesti/srbija.php?yyyy=2020&mm=09&dd=02&nav_id=1727453

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
Altro... giardino, maschere, mezzanotte, misure restrittive
Ana Pisonero: “Le misure restrittive non devono compromettere il diritto a proteste pacifiche”

Ripresa la produzione della Fiat a Kragujevac; 2.000 lavoratori in fabbrica

Chiudi