Ćuta: “Quello che i cinesi fanno qui non lo farebbero mai a se stessi”

Aleksandar Jovanović Ćuta, un attivista del movimento “Difendiamo i fiumi di Stara Planina” (Odbranimo reke Stare Planine), che ha avuto diverse opportunità di parlare con i funzionari del governo in Serbia, ha riferito che discutere con Ana Brnabić di ecologia è una “pura perdita di tempo”.

“Abbiamo a che fare con persone che se trovano i mezzi domani ti costruiscono una discarica di scorie nucleari vicino a un asilo”, ha detto Ćuta. Ha sottolineato che “abbiamo a che fare con queste persone e loro portano le stesse persone qui”.

“Quello che i cinesi stanno facendo qui, non lo farebbero mai a se stessi. Ora stanno installando le ultime tecnologie per quanto riguarda i loro inquinanti”, ha spiegato e aggiunto che “se qualcuno facesse qualcosa del genere a loro, e si fingesse sciocco, lo metterebbero immediatamente in un manicomio lì. Qui sta accadendo qualcosa che si può considerare un crimine assoluto”.

“Le persone vengono avvelenate in massa, private dell’acqua, avvelenate dalla terra”, ha detto.

Ha aggiunto che il movimento “Difendiamo i fiumi di Stara Planina” ha chiesto più volte all’ambasciatore cinese di riceverli, cosa che non è avvenuta.

“Abbiamo chiesto loro di dire al loro Comitato Centrale che stanno avvelenando i nostri bambini”, ha detto, aggiungendo che alla fine organizzerà una protesta davanti all’Ambasciata cinese.

Ćuta: To što Kinezi rade ovde, sebi ne bi radili nikad

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

scroll to top