Croce Rossa: Serbia, una popolazione di anziani

La popolazione serba è tra le popolazioni con più anziani a livello globale, con la tendenza ad un ulteriore invecchiamento intensivo a causa del basso tasso di natalità, dei problemi di fertilità e della fuga dei cervelli: lo afferma uno studio sulla situazione e l’inclusione sociale delle persone anziane, condotto dalla Croce Rossa in Serbia e dalla rete di organizzazioni della società civile, Humana S.

“L’analisi delle donne e degli uomini anziani in Serbia, i diversi aspetti della loro posizione nella società e le condizioni di vita mostrano che il loro status è relativamente sfavorevole, rispetto a quello degli anziani che vivono nell’Unione europea”, aggiunge lo studio.
Secondo i dati raccolti, nel 2016 la popolazione di età pari o superiore ai 65 anni costituiva il 19% della popolazione totale, di cui solo il 15% era occupato.
Inoltre, secondo lo studio, le differenze di genere sono evidenti, quindi il tasso di occupazione per gli uomini è stato del 19,5% e per le donne del 9,6%.
Lo studio ha anche dimostrato che è necessario migliorare l’accesso ai servizi sanitari e ampliare la capacità di trattamento e assistenza per gli anziani nelle condizioni di casa.
Nei 12 mesi precedenti la ricerca sull’uso delle tecnologie dell’informazione, solo il 17% della popolazione di età superiore ai 65 anni usa un computer,  significativamente inferiore rispetto alla stessa fascia di età nell’UE, dove tale percentuale si attesta al 52.
“Questa è la sesta grande ricerca che la Croce Rossa Serbia ha implementato al fine di migliorare la posizione degli anziani nella Repubblica di Serbia, perché solo attraverso la raccolta e l’analisi dei dati possiamo comprendere chiaramente le esigenze e i problemi che gli anziani si trovano ad affrontare. Basandoci su questo, elaboreremo raccomandazioni per migliorare il loro status”, ha spiegato Vesna Milenovic, Segretario Generale della Croce Rossa Serbia.
La ricerca sull’inclusione sociale degli anziani si basa su dati statistici provenienti da registri ufficiali nonché da dati disponibili, tenendo conto delle condizioni materiali, dell’accesso a risorse e servizi, della partecipazione sociale e delle reti sociali, del tempo libero, stili di vita, cultura, comunicazione , qualità della vita e soddisfazione soggettiva.
(Politika, 05.02.2018)
http://www.politika.rs/sr/clanak/397817/Stanovnistvo-Srbije-medu-najstarijim-a-starenje-tek-sledi

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top