Crivelli (FMI): le misure fiscali e strutturali del governo porteranno la crescita economica

“Le misure economiche fiscali e strutturali, concordate dal Goverso nserbo con il Fondo Monetario Internazionale a inizio di quest’anno, vanno nella direzione di sostenere una crescita economica a lungo termine”, ha dichiarato oggi l’economista dell’FMI Eduardo Crivelli, commentando il rapporto del dipartimento europeo dell’FMI per l’Europa centrale, sud-orientale ed orientale, il quale contiene le indicazioni su come indirizzare la politica fiscale per avere una crescita a lungo termine. In questo contesto la Serbia sta affrontando un importante processo di aggiustamento fiscale.

“Quest’anno avete gestito un importante aggiustamento fiscale e l’importante è proseguire su questa strada. Continuate con un piano coerente, rafforzate le finanze pubbliche nell’ambito dell’accordo con l’FMI”, ha continuato Crivelli, evidenziando la necessità di riformare il sistema pensionistico, ridurre il numero dei dipendenti e riformare il sistema pubblico, fare in modo che le imprese statali non costituiscano fonti di uscita per il bilancio pubblico.

Crivelli ha poi ricordato che il Fondo Monetario Internazionale favorisce una spesa pubblica efficiente, focalizzata su scuola e infrastrutture: “Queste sono misure che favoriscono una crescita economica a lungo termine”. Richiesto di commentare la proposta di ridurre le tasse sul lavoro e incrementare l’imposta sul valore aggiunto, Crivelli ha detto che in funzione di una crescita economica durevole ci sono opzioni più o meno indicate. I contributi sul lavoro sono negativi per la crescita economica mentre l’IVA è un fattore positivo e per questo alcuni paesi, quando è possibile, riducono le tasse sul lavoro e incrementano l’imposta sui consumi. “La politica fiscale alla fine è una scelta politica. La modalità per incrementare le entrate potrebbe essere una modifica delle aliquote ma un altro modo è la miglior efficienza dell’amministrazioen fiscale così da incrementare la raccolta”

(Blic, 26.11.2015)

 

 

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

scroll to top