Crescita PIL: in Serbia Vucic prevede il risultato migliore della regione

Nei primi sei mesi la Serbia registrerà la percentuale di crescita del PIL più alta nell’intera regione e risulterà per questo tra i primi quattro paesi in Europa, ha comunicato il primo ministro Aleksandar Vucic.

“Nei prossimi giorni avremo i risultati ufficiali che attestano la crescita di tutte le econome europee. Secondo le valutazioni ufficiali del Fondo monetario internazionale (FMI) la Serbia avrebbe dovuto avere la crescita minore nella regione, ma la situazione attuale dimostra che la Serbia avrà invece la maggior percentuale nell’intera regione”, ha indicato Vucic.

Vucic ha inoltre affermato che l’obiettivo del Governo è abbassare sotto il 15% il tasso di disoccupazione per avvicinarlo alla media dei paesi UE, ricordando che il nuovo Governo sarà formato “quando potrà essere formato”, e che ora in realtà l’unico problema della Serbia è costituita dalla crisi dei migranti.

“L’Ufficio per il coordinamento dei servizi della sicurezza sta lavorando, però dobbiamo emanare alcune decisioni non facili nei prossimi giorni”, ha detto Vucic, indicando che la crisi dei migranti rappresenta un problema serio.

Aleksandar Vucic ha dichiarato che la Serbia gestisce una politica responsabile, cooperando con tutti i paesi facendo tutto quello che è migliore per lo Stato. Il primo ministro, ha spiegato che il trasferimento dei due prigionieri di Guantanamo in Serbia è stato deciso in base sia alla collaborazione con gli Stati Uniti, che alla Costituzione della Repubblica di Serbia e a vari accordi bilaterali. In relazione al partner atlantico, Vucic ha espresso la volontà di migliorare i rapporti economici con gli Usa, ma di non voler rinunciare al legame con la Russia e di considerare importante anche la stabilizzazione della politica regionale. 

Sul versante occupazione, il primo ministro sostiene che per l’economia serba è importante l’istruzione dualistica per incentivare lo spirito imprenditoriale dei giovani. Per la realizzazione del programma dell’istruzione dualistica è necessario che molte aziende siano interessate, ed un ministro corraggioso in questo settore. Infine, Vucic ha ricordato che la Serbia concede gli incentivi più alti in Europa, e che il Governo sta lavorando sul sostegno alle start-up.

(RTS, 13.07.2016.)

 

Share this post

scroll to top
More in Aleksandar Vucic, crescita economica, crisi dei profughi, governo, incentivi, istruzione, migranti, Russia
Tocci: rapporto Serbia-Russia sfida più grande

Esenzioni fiscali non necessarie per investimenti in Serbia

Close