Cresce l’interesse per le vacanze in Grecia

Quest’anno in Grecia ci si aspetta un grande afflusso di turisti proveniente dalla Romania e dalla Bulgaria; gli imprenditori  hanno colto l’occasione aumentando i prezzi del 10%.

Essendo anche quest’anno una tra le mete turistiche più gettonate, la Grecia aumenta i prezzi.

Di questo se ne sono accorti anche quelli che hanno già provato a prenotare degli hotel o appartamenti  privati per le vacanze. I prezzi sono aumentati del 10%, non solo per la tassa di soggiorno; entrata in vigore il 1 Gennaio, bensì anche per l’enorme interesse per questa destinazione. Per ora vengono venduti pacchetti vacanze più economici ed i prezzi sono ancora competitivi.

Aleksandar Senicic, dell’associazione delle agenzie turistiche “JUTA”, ha dichiarato che l’interesse per la Grecia anche quest’anno è molto alto. Secondo il Ministero del Turismo greco, l’anno scorso dalla Serbia sono arrivati 900.000 ospiti e di questi , 600.000 nel picco della stagione.

“Ogni anno in Grecia il prezzo degli alloggi aumenta del 10% e quest’anno non sarà diverso. Non ho la sensazione di un aumento spropositato dei prezzi”,dice Senicic, aggiunge che l’aumento ha interessato maggiormente gli alloggi privati.

Senicic dichiara anche l’attesa dei turisti provenienti dalla Romania e Bulgaria è un indice di aumento  dello standard di questi paesi,  in quanto solitamente  interessati di più al turismo locale. La Grecia è vicina, le strade sono buone, si arriva facilmente ed i prezzi  sono più che accettabili.

Questo è il motivo dell’aumento dei prezzi. Prima i concorrenti erano i turisti provenienti dalla Macedonia, ora invece abbiamo turisti dalla Romania con 20 milioni di abitanti e Bulgari che hanno iniziato a viaggiare.

La novità dell’anno è anche il pagamento della tassa di soggiorno che si pagherà per camera affittata al giorno. Si calcola come la tassa fissa che dipende dal tipo di alloggio, per esempio, quattro euro per gli hotel con cinque stelle, tre euro per gli hotel quattro stelle, 1,5 euro per gli hotel a tre stelle e cinquanta centesimi al giorno per gli alloggi privati.

Per quanto riguardi i turisti dalla Serbia, la maggior parte andrà in Grecia, ma anche la Turchia è una delle mete più gettonate per quest’anno.

In Montenegro abbiamo per la stagione estiva circa 350.000 – 400.000 turisti, la cui maggior parte non usa un agenzia di viaggi. La Grecia durante l’anno verrà visitata in media da 900.000 serbi. Durante la stagione circa 500.000 turisti si appoggiano ad un’agenzia di viaggi mentre 150.000 vanno individualmente.

Sencic aggiunge che ancora per molto tempo  non ci sarà una destinazione che farà andare la Grecia al secondo posto.  “Gia a maggio si può trovare un pacchetto vacanze dai 70 euro incluso il trasporto. È chiaro che stiamo parlando di vacanze più che accessibili”, commenta il portavoce.

Share this post

scroll to top
Altro... Grecia
Bulgaria
Adesione UE: il sostegno di Grecia, Bulgaria e Romania

terminale
Gas alla Serbia grazie al terminale di Alessandropoli: la proposta dei greci

Chiudi