Cresce l’import-export agricolo e alimentare rispetto all’anno scorso

Secondo la Camera di commercio serba, l’industria agricola e alimentare ha realizzato un totale di commercio estero del valore di quasi 3,1 miliardi di euro nei primi sei mesi di quest’anno, con un aumento dell’11,7% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso.

Sono state esportate merci per 1,98 miliardi di euro, con un incremento del 13,6% rispetto ai risultati del 2020, con una quota sull’export totale di merci del 19,6%, secondo i dati dell’Ufficio di statistica della Repubblica (RZS). Le importazioni valevano quasi 1,12 miliardi di euro, ovvero l’8,4 percento in più rispetto ai primi sei mesi del 2020, con una quota sulle importazioni totali di merci dell’8,6%.

C’è stato un surplus nel commercio estero di prodotti agricoli e alimentari per il semestre di quest’anno di 859,4 milioni di euro, che è un aumento del 21,1% rispetto alla metà del 2020. La copertura delle importazioni con le esportazioni è del 177% ed è superiore rispetto ai sei mesi dell’anno scorso quando era del 169%.

I prodotti più importanti dell’export agricolo nel primo semestre del 2021 sono il frumento (298,9 milioni di euro), i lamponi surgelati (137,4 milioni di euro), il grano (91,1 milioni di euro), le sigarette contenenti tabacco (88,5 milioni e il tabacco da fumo – 86,4 milioni di euro).

Secondo la struttura delle esportazioni, i più rappresentati sono i cereali con il 26,8%, gli ortofrutticoli con il 22%, il tabacco e i prodotti del tabacco con il 9,7% e le bevande con il 6,8%.

Sul versante dell’import, i prodotti più importanti sono le banane, 35,1 milioni di euro, i generi alimentari vari per poco più di 55 milioni di euro, il caffè non torrefatto 22,1 milioni, le sigarette 19,7 milioni di euro e la carne di suino nazionale per 18 milioni di euro. Nella struttura delle importazioni, frutta e verdura hanno la quota maggiore con il 24,8%, caffè e tè l’11% e tabacco l’8,9%.

I più importanti partner commerciali esteri della Serbia nelle esportazioni nel primo semestre di quest’anno sono i paesi dell’UE con una quota di esportazioni del 55,8% (1.102,9 milioni di euro), seguiti dai paesi CEFTA con il 22,7% (448,8 milioni di euro) e dalla Federazione Russa con il 7,8% (153,6 milioni di euro).

https://www.blic.rs/biznis/privreda-i-finansije/poljoprivreda-i-prehrambena-industrija-srbije-ostvarile-suficit-u-razmeni-od-8594/99s6d8s

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

scroll to top