Cosa si nasconde dietro il calo della disoccupazione: fuga all’estero o crescita economica?

La Premier Ana Brnabic vuole smentire il fatto che la disoccupazione stia diminuendo perché la gente sta lasciando il Paese. Molti economisti, tuttavia, confutano la dichiarazione della Prima Ministra.

“Il tasso di disoccupazione al momento è del 10,3%”, ha detto la Brnabic alla presentazione del Libro bianco del Consiglio degli investitori stranieri, aggiungendo che si aspetta che le cifre del terzo trimestre mostrino una disoccupazione a una cifra.

Scopri i principali investimenti esteri in Serbia nel 2018: clicca qui!

La Prima Ministra ha anche risposto a coloro che hanno affermato che la caduta della disoccupazione sia una conseguenza dell’espatrio di cittadini all’estero e ha affermato che la disoccupazione non è diminuita a causa dell’emigrazione.

“Voglio confutare queste critiche sul fatto che la disoccupazione stia diminuendo perché le persone stanno lasciando il Paese; l’occupazione è in aumento, ora è del 49,2% mentre prima era del 41,8%, e questa è la ragione del calo della disoccupazione”.

Gli esperti non contestano il fatto che la disoccupazione sia stata in parte ridotta, grazie alla creazione di posti di lavoro e alla crescita economica, ma affermano che la causa principale del calo della disoccupazione è in realtà la fuga all’estero della popolazione in età lavorativa.

La professoressa della Facoltà di Economia di Belgrado Danica Popovic afferma che “i dati mostrano che stiamo migliorando, ma la riduzione statistica della disoccupazione è influenzata dal numero di persone che emigrano dalla Serbia, e anche dalla metodologia che è cambiata”.

“Un altro fattore da considerare quando si tratta di statistiche fatte dall’Ufficio Nazionale per il lavoro è che vengono cancellate dai registri le persone che hanno rifiutato un lavoro offerto. Inoltre, vengono rimossi anche dal registro i disoccupati che non si sono fatti vivi alle consultazioni regolari”, afferma l’economista Mijat Lakicevic.

Lo stesso dice che ci sono indicazioni, tuttavia, che il numero di dipendenti in Serbia è aumentato, ma concorda sul fatto che lasciare il Paese è uno dei fattori che ha come effetto la riduzione della disoccupazione.

La nuova metodologia di ricerca, afferma, cambia le cose. “Secondo la vecchia metodologia venivano presi in considerazione solo i contratti di lavoro, fissi o a tempo determinato, ora altri tipi di contratti sono inclusi nelle statistiche”, afferma Lakicevic.

Infatti ora vengono inclusi coloro che lavorano sotto contratto per lavori temporanei e a tempo limitato, assunti attraverso cooperative giovanili, i lavoratori stagionali…”È sufficiente lavorare un giorno per 20 minuti e considerarsi immediatamente impiegati, almeno statisticamente”, afferma Danica Popovic.

L’esperto di migrazione Vladimir Grecic afferma che, secondo i dati dell’OCSE, circa 41.000 persone sono andate via dalla Serbia in media ogni anno nel decennio 2007-2016.

“Il dato per il 2017 è di 48.000 e queste sono solo partenze verso i paesi OCSE. Senza contare Russia, Paesi arabi, ecc. Quindi in questi 11 anni sono circa 500.000 le persone che hanno lasciato il Paese. Inoltre, abbiamo un tasso negativo di crescita naturale e il contingente in età lavorativa è in costante diminuzione”, ha dichiarato Grecic, aggiungendo anche che il numero di posti di lavoro è aumentato.

Secondo i dati Eurostat, nel 2017 c’erano 7.040.272 persone che vivevano in Serbia. Un anno dopo, quel numero è sceso a 7.001.444, mentre secondo i dati per il 2019, la Serbia avrebbe una popolazione di 6.963.764.

https://www.bizlife.rs/posao/sta-se-krije-iza-pada-nezaposlenosti-odlasci-ili-privredni-rast/

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
More in Ana Brnabic, Danica Popovic, disoccupazione
La piattaforma di pagamento online cinese “Alipay” tra qualche mese in Serbia

La Serbia firmerà un Memorandum d’intesa con la compagnia cinese “Huawei”

Close