Cosa c’è dietro il “record” nell’attirare investimenti diretti esteri?

L’anno scorso, come nel 2016, la Serbia è stata leader nell’attirare investimenti diretti esteri relativamente alle sue dimensioni, secondo un’analisi del “FDI intelligence del Financial Times”; grazie a questi investimenti l’industria manifatturiera del Paese sta registrando dei record.

“I componenti automobilistici, alimentari e il tabacco, il tessile e l’immobiliare sono i settori principali che attraggono investimenti diretti esteri, e rappresentano il 54% del totale dei progetti di investimento nel 2018”, si legge nell’analisi.

Scopri i principali investimenti esteri in Serbia nel 2018: clicca qui!

Tuttavia, è vero che nei primi sette mesi l’industria manifatturiera è diminuita dell’1,4% su base annua, nonostante una forte crescita del 6% a luglio, quindi la domanda da farsi è se così tanti investimenti stranieri siano davvero una buona cosa o manchi qualcosa alla Serbia.

Nella prima metà del 2019 l’afflusso di investimenti esteri è aumentato del 30% rispetto alla prima metà dello scorso anno, raggiungendo 1,93 miliardi di euro. Secondo l’analisi e le tendenze macroeconomiche (MAT), gli investimenti diretti sono stati persino superiori agli investimenti nazionali, statali e privati, ​​nella prima metà dell’anno.

“La quota di investimenti immobili nel PIL è di circa il 19,5% ed è ben al di sotto del livello necessario per una crescita economica stabile. Ci sarebbe bisogno di almeno il 25% per garantire questa crescita, la stessa che hanno avuto tutti i Paesi in via di sviluppo che uscivano dalla crisi. Gli investimenti esteri diretti nella prima metà dell’anno sono stati superiori alla metà del totale lordo di capitali immobili. Ciò significa che gli investimenti locali sono insufficienti. Il rapporto ideale sarebbe che gli investimenti esteri diretti costituissero un terzo degli investimenti totali, mentre il resto dovrebbe provenire dai risparmi interni”, ha affermato Stamenkovic.

Lo stesso ha anche messo in dubbio le strutture di questi investimenti dato che si registra un calo della produzione industriale, mentre dall’altra parte c’è una grande quota di imprese di costruzioni nel valore aggiunto lordo.

“La domanda è: in cosa si investe, qual è la qualità di quegli investimenti”, si chiede Stamenkovic.

Anche Ivan Nikolic, direttore di “MAT”, concorda sul fatto che gli investimenti esteri diretti entrano in settori che hanno un valore aggiunto inferiore e ciò non risolve il problema della crescita economica.

Ljubodrag Savic, professore alla Facoltà di Economia di Belgrado, afferma di non avere dubbi sui dati del “Financial Times”, ma la domanda da porsi è dove stiano andando quegli investimenti.

“Fino al 2009 gli investimenti erano destinati principalmente a servizi, finanza, commercio, trasporti, e questa non era una buona cosa. Ora stanno entrando nel settore industriale, ma sarebbe bello se entrassero in settori ad alta tecnologia, dove lavorano persone altamente qualificate, dove vengono fatti prodotti di livello superiore e non componenti, e dove i salari sono più alti della media, non il salario minimo più il 20% come prevedono gli accordi con gli investitori stranieri in arrivo in Serbia. Non possiamo esserne contenti, ma il fatto è che non possiamo scegliere. Possiamo accettare gli investimenti in questo modo o possiamo rifiutarli, in modo da poter crescere solo dell’1% all’anno. Va tenuto presente che non siamo un Paese con una solida base tecnologica, che non abbiamo un alto rispetto per la legge, per lo stato di diritto e una bassa corruzione”, ha detto Savic, aggiungendo che l’arrivo di così tanti investimenti non è un’umiliazione, ma neanche una cosa di cui essere orgogliosi.

https://www.danas.rs/ekonomija/sta-stoji-iza-rekorda-u-privlacenju-direktnih-ulaganja-iz-inostranstva/

 

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
More in Financial Times, investimenti diretti, Ljubodrag Savic
La Serbia per otto anni in fondo alla lista del World Economic Forum in termini di qualità della rete stradale

Sussidi statali di 6.400 euro per l’apertura di nuovi posti di lavoro – In tre anni, lo Stato ha dato 230 milioni di euro agli investitori

Close