Coprifuoco in Serbia dalle 17 di venerdì alle 5 di martedì; no alla richiesta del Sinodo

Deciso ieri il coprifuoco che costringerà i cittadini a rimanere nelle proprie case per un totale di 84 ore, da venerdì 17 (17h) a martedì 21 (5h). Una decisione non facile, dato che domenica 19 aprile si festeggia la Pasqua e il Sinodo della Chiesa ortodossa serba aveva chiesto l’interruzione della misura durante la più grande festa cristiana. Richiesta rifiutata poiché la posizione di epidemiologi e medici è rimasta invariata, vale a dire che il divieto assoluto di uscita non dovrebbe essere revocato.

La Premier, Ana Brnabic, ha istituito ieri un nuovo team di crisi nei distretti amministrativi di Nisava e Toplica, su suggerimento dello staff di crisi per il COVID-19, volto a combattere la diffusione del virus.

Scopri quali sono stati i principali investimenti esteri in Serbia nel 2019: clicca qui!

Presidente del nuovo organo sarà il Ministro dell’agricoltura Branislav Nedimovic insieme all’epidemiologa Darija Kisić Tepavčević, al professor Branislav Tiodorovic, all’infettologo Milos Korac, nonché a membri del Ministero degli Interni, Ministero della Difesa, BIA e capi dei distretti.

https://www.kurir.rs/vesti/politika/3447227/vlada-srbije-upravo-donela-nove-mere-konacno-odluceno-koliko-ce-trajati-policijski-cas-ovog-vikenda

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
More in Brnabic, Coprifuoco, Pasqua
Danas: “Militarizzazione inutile della società in Serbia”

La Chiesa Ortodossa chiede di revocare il coprifuoco per il giorno di Pasqua

Close