Contributi a fondo perduto per più di 12.000 aziende del turismo

Il Ministero del Commercio, del turismo e delle telecomunicazioni ha annunciato che assegnerà sussidi a fondo perduto a sostegno del lavoro dell’industria dell’ospitalità e del turismo per due mesi consecutivi a causa delle difficoltà causate dalla pandemia.

I fondi saranno assegnati nei mesi di luglio e agosto, nella misura di 30.900,24 dinari per ogni mese e per ciascun dipendente per il quale l’azienda ha pagato lo stipendio nel mese di dicembre dello scorso anno e ha presentato la dichiarazione dei redditi appropriata, riferisce il Ministero competente.

Il denaro è concesso a fondo perduto e il diritto a questi fondi appartiene alle aziende che hanno registrato presso l’Agenzia dei registri delle imprese, come attività prevalente, attività di ristoranti e strutture di ristorazione mobile, preparazione e somministrazione di cibi e bevande, hotel, camping, strutture di ricezione, camping per roulotte, agenzie di viaggi, tour operator, noleggio e leasing di autovetture e autoveicoli leggeri.

L’elenco delle aziende, 12.155, che hanno esercitato il diritto a un sussidio è disponibile sul sito web del Ministero. I fondi di sovvenzione approvati saranno versati agli utenti su speciali conti in dinari dedicati che l’amministrazione del Tesoro aprirà per queste esigenze.

Secondo un comunicato del Ministero, le aziende perdono il diritto di utilizzare il sussidio se riducono il numero dei dipendenti di oltre il 10% nel periodo compreso tra l’entrata in vigore del programma e la scadenza del periodo di tre mesi successivo al pagamento dell’aiuto.

Bespovratne subvencije za više od 12.000 preduzeća

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top
Altro... contributi, fondo perduto, industria ospitalità, sussidi
Il Consiglio anticorruzione raccomanda di riconsiderare l’assegnazione dei sussidi agli investitori stranieri

Udovicki: “Ancora una volta sussidi a chi ne ha meno bisogno”

Chiudi