Consentito l’accesso in Italia dalla Serbia

Con l’ordinanza del Ministero della Salute del 21 settembre 2020, la Serbia è stata inserita nella lista E: è ora possibile entrare in Italia dalla Serbia solo in presenza di precise motivazioni, quali:

– lavoro,

– motivi di salute;

– di studio,

– assoluta urgenza,

– rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza,

– persone che hanno una relazione affettiva comprovata e stabile (anche se non conviventi) con cittadini italiani/UE/Schengen o con persone fisiche che siano legalmente residenti in Italia (soggiornanti di lungo periodo), che debbano raggiungere l’abitazione/domicilio/residenza del partner (in Italia). 

Sono escluse motivazioni di turismo. 

E’ necessario presentare all’ingresso un’autodichiarazione.

Per chi entra in Italia permane comunque l’obbligo di quarantena per i soggiorni superiori alle 120 ore, insieme ad altre eccezioni.

“E’ uno sviluppo importante”, ha detto l’Ambasciatore Carlo Lo Cascio, “reso possibile dai risultati significativi ottenuti dalla Serbia nella lotta al coronavirus”.

Per chi entra in Italia rimane l’obbligo della quarantena. A condizione che non insorgano sintomi di COVID-19 e che non ci siano stati soggiorni o transiti in uno o più Paesi di cui agli elenchi C e F nei quattordici (14) giorni antecedenti all’ingresso in Italia.

Le disposizioni relative all’obbligo di isolamento fiduciario e sorveglianza sanitaria, NON si applicano:

1. a chiunque (indipendentemente dalla nazionalità) fa ingresso in Italia per un periodo non superiore alle 120 ore per comprovate esigenze di lavoro, salute o assoluta urgenza, con l’obbligo, allo scadere di detto termine, di lasciare immediatamente il territorio nazionale o, in mancanza, di iniziare il periodo di sorveglianza e di isolamento fiduciario;

2. a chiunque (indipendentemente dalla nazionalità) transita, con mezzo privato, nel territorio italiano per un periodo non superiore a 36 ore, con l’obbligo, allo scadere di detto termine, di lasciare immediatamente il territorio nazionale o, in mancanza, di iniziare il periodo di sorveglianza e di isolamento fiduciario;

3. ai cittadini e ai residenti degli Stati e territori di cui agli elenchi A, B, C e D che fanno ingresso in Italia per comprovati motivi di lavoro;

4. al personale sanitario in ingresso in Italia per l’esercizio di qualifiche professionali sanitarie, incluso l’esercizio temporaneo di cui all’art. 13 del decreto-legge 17 marzo 2020, n. 18;

5. ai lavoratori transfrontalieri in ingresso e in uscita dal territorio nazionale per comprovati motivi di lavoro e per il conseguente rientro nella propria residenza, abitazione o dimora;

6. al personale di imprese ed enti aventi sede legale o secondaria in Italia per spostamenti all’estero per comprovate esigenze lavorative di durata non superiore a 120 ore;

7. ai funzionari e agli agenti, comunque denominati, dell’Unione europea o di organizzazioni internazionali, agli agenti diplomatici, al personale amministrativo e tecnico delle missioni diplomatiche, ai funzionari e agli impiegati consolari, al personale militare e al personale della polizia di Stato nell’esercizio delle loro funzioni;

8. agli alunni e agli studenti per la frequenza di un corso di studi in uno Stato diverso da quello di residenza, abitazione o dimora, nel quale ritornano ogni giorno o almeno una volta la settimana.

L’obbligo di isolamento fiduciario in ogni caso non si applica alle seguenti categorie:

all’equipaggio dei mezzi di trasporto; al personale viaggiante;agli ingressi per motivi di lavoro regolati da speciali protocolli di sicurezza, approvati dalla competente autorità sanitaria;agli ingressi per ragioni non differibili, inclusa la partecipazione a manifestazioni sportive e fieristiche di livello internazionale, previa specifica autorizzazione del Ministero della salute e con obbligo di presentare al vettore all’atto dell’imbarco e a chiunque sia deputato ad effettuare i controlli dell’attestazione di essersi sottoposti, nelle 72 ore antecedenti all’ingresso nel territorio nazionale, ad un test molecolare o antigenico, effettuato per mezzo di tampone e risultato negativo.

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
Read previous post:
Richard Grenell in visita a Pristina e Belgrado

Nuovi dettagli del piano per la stazione degli autobus e treni a Nuova Belgrado

Close