Confermato l’ergastolo a Ratko Mladić

La Corte internazionale di giustizia dell’Aia ha condannato l’ex comandante dell’esercito della Republika Srpska (RVS) Ratko Mladic all’ergastolo per genocidio e crimini contro l’umanità contro musulmani e croati durante la guerra del 1992-95 in Bosnia. La decisione del collegio d’appello della Corte, nonostante l’opposizione del presidente del tribunale Priska Matimba Nyambe, ha confermato il verdetto di primo grado emesso dal Tribunale dell’Aja al generale Mladic il 22 novembre 2017 e ha respinto i ricorsi sia della difesa che dell’accusa.

Respingendo i nove motivi dell’appello della difesa, la Corte ha dichiarato colpevole il generale Mladic (78 anni) di essere stato l’attore principale di quattro imprese criminali congiunte: genocidio a Srebrenica, persecuzione di croati e musulmani in tutta la Bosnia-Erzegovina, terrore della popolazione di Sarajevo con bombardamenti prolungati e cecchini, e presa in ostaggio di appartenenti all'”UNPROFOR”, nel 1992-95.

Mladic è stato condannato, secondo 10 capi d’imputazione, per genocidio a Srebrenica e per crimini contro l’umanità in 15 comuni bosniaci: persecuzione, sterminio, omicidio, deportazione e trasferimento forzato. La Corte ha anche ritenuto Mladic colpevole di quattro capi di violazione delle leggi e regole di guerra: omicidio, terrore, attacchi illegali a civili e presa di ostaggi.

http://www.politika.rs/scc/clanak/480828/Ratku-Mladicu-potvrdena-dozivotna-kazna

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top