Con o senza Ucraina la Serbia avrà il gas

Sta diventando sempre più chiaro che Mosca cesserà il trasporto del combustibile blu entro la fine dell’anno, il quale arriva in Europa attraverso un gasdotto sotto il controllo di Kiev. Bajatovic dice però che i cittadini e l’economia serbi non dovrebbero preoccuparsi.

L’inverno ha bussato in Europa in piena estate. La paura che una buona parte dei consumatori del Vecchio Continente si congeli già nelle prime settimane del prossimo anno non è priva di fondamento. Le prospettive che Mosca fermerà completamente il transito di gas attraverso l’Ucraina entro la fine di quest’anno sembrano vere. In Serbia comunque le autorità ritengono che non vi siano motivi di preoccupazione e che il carburante blu sarà sufficiente per le esigenze dei cittadini e delle imprese.

Scopri i principali investimenti esteri in Serbia nel 2018: clicca qui!

I padri europei hanno escogitato piani per fornire ai loro consumatori abbastanza gas nelle giornate fredde. Il direttore esecutivo di “Naftogaz Ucraina” Yuri Vitrenko ha recentemente scritto sul suo sito che questa società si sta preparando alla completa sospensione del transito di gas dalla Russia attraverso il territorio ucraino già verso la fine del 2019, e non solo nel primo trimestre del 2020. Attualmente ci sono poche possibilità che Kiev e Mosca concordino sul transito del gas attraverso l’Ucraina.

Le autorità nel nostro paese, tuttavia, non sono preoccupate. Sostengono che la Serbia avrà abbastanza gas per le sue esigenze nel prossimo anno.

“La Serbia non si congelerà se il trasporto di gas attraverso l’Ucraina venisse interrotto, ha detto a “Novosti” Dusan Bajatovic, direttore di “Srbijagas”. Abbiamo sviluppato diversi scenari per l’approvvigionamento di gas in tutte le situazioni”. Bajatovic, tuttavia, non ha voluto rivelare quali sono i modi possibili per garantire una fornitura sicura di energia blu al Paese.

“Su qualunque cosa diciamo si specula inutilmente, afferma Bajatovic. Con o senza Ucraina, il gas ci sarà”.

Gli esperti sottolineano che la Serbia dovrebbe essere al sicuro per quanto riguarda l’approvvigionamento di gas. Secondo Vojislav Vuletic, un esperto di gas, è possibile che già a gennaio 2020 riceveranno forniture di questo carburante dal “Turkish Stream”.

“Questo gasdotto è in costruzione in Serbia e, per quanto ne so, anche in Bulgaria, afferma Vuletic. Quindi, il 1° gennaio del prossimo anno, potremmo ottenere gas dalla Russia anche in quel modo. Se ciò non dovesse accadere, riceveremo gas dall’Europa attraverso il “North Stream” 1 e 2. In secondo luogo, tutte le fabbriche e la maggior parte degli impianti di riscaldamento in Serbia possono utilizzare gas e anche petrolio. Possono lavorare sull’una e sull’altra fonte di energia, anche se può costarci di più. Il gas viene pagato dopo, mentre il petrolio viene ordinato in anticipo e viene subito pagato”.

RISERVE

Secondo Vojislav Vuletic, le riserve di gas nel deposito sotterraneo “Banatski Dvor” sarebbero sufficienti a soddisfare le esigenze per almeno 90 giorni.

“Questo significherebbe che possiamo aspettare con calma la fine dell’inverno”, ha detto Vuletic.

TERMINI E CONDIZIONI

La Russia è pronta ad estendere l’accordo di transito del gas in Ucraina dopo il 31 dicembre, ha dichiarato il ministro russo dell’energia Alexander Novak. La condizione è che le tariffe per il transito siano accettabili ed economicamente competitive e che vengano risolte le controversie nei tribunali arbitrali.

http://www.novosti.rs/vesti/naslovna/ekonomija/aktuelno.239.html:807437-Sa-Ukrajinom-ili-bez-nje-Srbija-ce-da-ima-gas

 

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
More in gas, Russia, Serbia
lavoro
La maggior parte dei lavoratori serbi del settore privato non “conosce pausa”

A “Madre Russia” non crede ormai più nessuno

Close