Con Labor Srb il parquet “Made in Serbia” competerà sul mercato globale

Il Presidente della Repubblica di Serbia Aleksadar Vucic ha inaugurato sabato 6 ottobre il nuovo capannone della Labor Srb di Sremska Mitrovica, parte del gruppo Labor Legno di Patrizio Dei Tos che punta a completare entro un anno l’intero processo produttivo “dal tronco al listello” in Serbia. All’inaugurazione hanno presenziato anche il Presidente della Regione Veneto Luca Zaia, il Presidente della Provincia Autonoma di Vojvodina Igor Mirovic, l’Ambasciatore d’Italia a Belgrado Carlo Lo Cascio, il Minsitro dell’Agricoltura e delle risorse forestali e già Sindaco di Sremska Mitrovica Branislav Nedimovic. 

Nel nuovo complesso lavoreranno altri 40 lavoratori, portando entro un anno il totale degli impiegati in Serbia della ditta di Cordignano in provincia di Treviso a ottanta unità. Aleksandar Vucic nel suo intervento ha sottolineato come siano necessari non solo gli investimenti da mille o duemila occupati, ma anche quelli delle piccole e medie imrpese, che possano sviluppare uno spirito imprenditoriale diffuso. “Domani qualche operaio aprirà la sua piccola manifattura e piano piano si svilupperà un tessuto imprenditoriale diffuso. L’amico Luca Zaia mi ha prima ricordato che il PIL del Veneto è quattro volte quello della Serbia e che l’80% di esso è realizzato da imprese con meno di quindici dipendenti. Vogliamo ancora altri imprenditori dal Veneto, che ci insegnino a essere imprenditori per diventare ricchi come il Nord Italia. Ho conosciuto personalmente tutta la famiglia Dei Tos, tutti impegnati quotidianamente a lavorare nell’impresa di famiglia”.

L’Ambasciatore Lo Cascio ha sottolineato che le imprese italiane non solo vogliono arrivare e restare in Serbia ma sono intenzionate a crescere in termini di investimenti e di capacità di creare occupazione. “I rapporti economici sono una colonna essenziale della nostra collaborazione bilaterale. L’Italia ha deciso di investire in termini politici ed economici in Serbia quando altri paesi nemmeno lo ipotizzavano. Oggi la situazione è cambiata e sono entrati nel paese molt partner. Siamo gratificati dalla nostra lungimiranza ma anche orgogliosi di essere arrivati tra i primi”. Lo Cascio ha sottolineato che l’Italia intende essere presente nel paese anche nel futuro affinché entrambe le economie crescano e si integrino nel grande mercato comune europeo.

Il Presidente della Regione Veneto Luca Zaia ha commendato l’impegno del Presidente Vucic verso gli imprenditori: “Non ho alcun interesse personale ma ho il piacere di dire che i cittadini serbi sono fortunati ad avere un Presidente come Aleksandar Vucic che ha a cuore il paese e le sfide che esso deve affrontare”. 

Il titolare Patrizio Dei Tos ha sottolineato che: “L’inaugurazione di oggi è la conferma che proseguiamo convinti nel nostro percorso di unire le competenze che abbiamo accumulato in quarant’anni di lavoro con la manodopera e il legname serbo, al fine di realizzare un prodotto al 100% Made in Serbia. Vedete oggi qui i nostri collaboratori italiani, felici di conoscere i loro colleghi serbi. Come vedete, questa non è una delocalizzazione, ma vorrebbe essere un esempio di come Serbia e Italia possono collaborare per essere entrambe competitive in uno scenario internazionale sempre più competitivo. Come sapete, io sono orgogliosamente veneto, sui nostri stabilimenti sventolano tre bandiere, quella italiana, quella serba e quella di San Marco. E proprio alla nostra tradizione veneta di mercanti ed esploratori voglio ricollegarmi, a quello spirito di Marco Polo che ancora oggi spinge tanti imprenditori veneti in giro per i continenti a portare la nostra inventiva e la nostra laboriosità. Lo spirito di Marco Polo era lo spirito del mercante che rispetta le culture e i popoli che incontra, che prende ma che lascia anche tanto. Noi siamo qui per continuare quello spirito, per esaltare le qualità dei prodotti e degli uomini e delle donne della Serbia ma anche per portare sul vostro territorio le nostre migliori qualità.”.

“Labor Srb” ha sviluppato le sue attività su un primo complesso da 24.000 metri quadrati per il taglio dei tronchi di rovere che arrivano dai boschi locali con certificazione FSC, che finora sono stati inviati in forma di travi per la produzione di tasseli di parquet commercializzati con i marchi Itlas e Labor Legno. Con questo nuovo investimento la Labor Srb riuscirà a produrre il prodotto finito, unendo il design italiano e l’eccellenza del legno serbo per proporre parquet prestigiosi in tutto il mondo. 

Oggi la fabbrica si estende su 56.000 metri quadrati con 43 lavoratori, mentre nel 2015 era partita con quattro impiegati, e punta ad assumere altre venti unità entro la fine dell’anno.

 

(RTS, http://www.rts.rs/page/stories/sr/story/13/ekonomija/3280498/otvoren-novi-pogon-fabrike-labor-srb-u-sremskoj-mitrovici.html)

 

 

 

 

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top