Come ha influito la pandemia sugli investimenti esteri diretti?

La pandemia ha rinviato molti progetti imprenditoriali a giorni migliori. Lo scorso anno gli investimenti esteri (IDE) in tutto il mondo sono diminuiti fino al 40%.

Nel 2020, la Serbia ha ricevuto 2,9 miliardi di euro di investimenti diretti netti dall’estero, la metà di prima. Secondo le nuove richieste pervenute, l’Agenzia per lo sviluppo è convinta che si potrà tornare al livello degli afflussi dall’estero come prima della pandemia già da questo o al massimo dal prossimo anno. Secondo alcuni esperti ci vorranno invece 3 o 4 anni.

Secondo i dati della bilancia dei pagamenti dello scorso anno, l’afflusso netto di IDE di 2,9 miliardi di euro è stato più che sufficiente per coprire il deficit della bilancia dei pagamenti corrente. La somma infatti è del 46% superiore al deficit.

“In Serbia, nonostante la pandemia, l’afflusso di investimenti diretti esteri è rimasto forte”, sottolineano dalla Banca nazionale serba. L’afflusso nel 2019 di 3,8 miliardi di euro è stato un record. La costante crescita dell’interesse degli investitori stranieri nell’investire in società orientate all’esportazione in Serbia, anche durante la pandemia, è principalmente il risultato della piena stabilità macroeconomica, finanziaria e fiscale raggiunta e preservata. La maggior parte degli investimenti diretti esteri in Serbia nel 2020 proveniva da Olanda con 705,5 milioni di euro, Slovenia, 483,3 milioni e Cina, 478,9 milioni di euro. L’afflusso dalla Slovenia include anche i fondi per la privatizzazione della “Komercijalna Banka”.

Per il pacchetto di maggioranza della banca statale serba un tempo più grande sono stati versati al bilancio infatti 395 milioni di euro. Non si potrà contare su una simile iniezione quest’anno.

“2,9 miliardi di euro di investimenti diretti esteri sono arrivati ​​in Serbia lo scorso anno, il 19% in meno rispetto all’anno precedente”, spiega Milojko Arsić, professore alla Facoltà di Economia. “Questo importo è stato influenzato dalla privatizzazione della “Komercijalna Banka”, che non avremo quest’anno. Gli investimenti richiedono dai 3 ai 4 anni per tornare al livello precedente. Il nostro vantaggio è che la Cina è meno attraente, perché ora i salari lì sono più alti e le relazioni geopolitiche diverse. Forse potremmo attirare parte di ciò che sarebbe stato investito in Cina in precedenza. Anche la Cina sta diventando un esportatore di capitali e possiamo trarre profitto anche da questo”.

Secondo i registri dell’Agenzia per lo sviluppo della Serbia, in base al numero di progetti, la maggior parte degli investimenti proviene da Germania (14,9%), Italia (14,6%), Austria (8,2%), Slovenia (6,2%), USA (5,4%), Francia (5%) e Turchia (3,4%). In termini di valore degli investimenti, l’Italia è al primo posto (10,7%), seguita da USA (10,3%), Francia (9,7%), Germania (9,7%), Austria (9,3%), Cina (8,9%) e Repubblica Ceca con il 6,8%.

https://www.kamatica.com/vest/kada-moze-da-se-ocekuje-povratak-stranih-investicija-na-nivo-pre-korone/63992

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top
Altro... investimenti esteri diretti, Italia, Komercijalna Banka
Selakovic: “L’Italia è al nostro fianco nel cammino europeo”

Investimenti globali scesi a livelli senza precedenti dagli anni ’90; in Serbia ancora buoni afflussi

Chiudi