Come arrivare al mare senza avere i nervi a pezzi

Dopo il collasso completo verificatosi sull’autostrada Belgrado-Nis a causa di lavori su ben tre sezioni, il giornale “Kurir” consiglia come evitare gli ingorghi e i lavori in corso con l’aiuto delle strade secondarie.

“Nei giorni scorsi i cittadini che si recavano in Grecia si sono lamentati delle code chilometriche, e in particolare delle situazioni di stallo a Lapovo, ovvero Batocina, Cuprija e Paracin. Ricordiamo che in quei luoghi il traffico è rallentato perché la corsia di sinistra dell’autostrada per Belgrado è chiusa, mentre dalla direzione di Nis i conducenti passano nella corsia opposta verso Nis. È chiusa anche l’uscita dell’autostrada per Paracin e Zajecar verso Nis, motivo per cui ai conducenti si consigliano circuiti alternativi”.

Scopri i principali investimenti esteri in Serbia nel 2018: clicca qui!

L’Associazione Auto-moto della Serbia, offre ai conducenti diverse soluzioni:

“A Lapovo i lavori rallentano la giuda, ma esiste una strada alternativa e cioè l’uscita per Markovac; così facendo più tardi a Batocina di nuovo vi collegate all’autostrada al casello di Kragujevac”, afferma Tanja Jovanovic dell’Associazione Auto-Moto della Serbia. In questo caso si attraversano Donja Raca, Vucic, Vojinovac, Desimirovac, dopo di che si arriva a Kragujevac passando per Jovanovac, Mlatovac e Gradac fino a Batocina, dove entrate di nuovo in autostrada.

Traffico durante “Ilindan”

Passati gli ostacoli verso la Grecia, i conducenti rimangono in coda ai valichi di frontiera. Tra il 15 luglio e il 15 agosto, quando si spostano molte persone, si dovrebbe utilizzare il valico di frontiera Prohor Pčinjski tra la Serbia e la Macedonia del Nord, e l’attraversamento di Dojran tra Macedonia del Nord e Grecia.

Inoltre, i turisti dovrebbero evitare di arrivare al passaggio di Evzoni alle sei del mattino ora serba o alle sette ora greca, perché in quell’orario c’è il cambio dei doganieri e dei poliziotti greci, quindi si aspetta circa mezz’ora anche se non c’è coda. Le esperienze precedenti dicono che agli incroci tra Evzoni e Bogorodica c’è poco traffico dopo le 17 e che probabilmente si aspetterà un po’ di meno se si arriva all’ingresso in Grecia durante la notte, fino alle 4 del mattino.

I giorni critici per viaggiare attraverso la Macedonia del Nord sono il 2 agosto (quest’anno di venerdì), quando si celebra la festa di Ilindan e un gran numero di macedoni passa il confine con la Grecia, e il 28 agosto quando viene celebrata la festa dell’Assunzione della Beata Vergine.

https://www.kurir.rs/vesti/drustvo/3290113/kako-da-stignete-na-more-a-usput-ne-izgubite-zivce-ovo-su-alternativni-pravci-kojima-treba-da-putujete-da-bi-izbegli-kolapse-na-auto-putu-citajte-u-kuriru

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
More in code auto, traffico
Le colonne ai confini saranno presto visibili su internet

Ingorghi stradali sulle strade che portano a Montenegro, Macedonia e Bulgaria

Close