Cinema: iniziata la stagione dei Festival a Belgrado

Potrebbe destare forse un po’ di sorpresa l’apprendere che la Serbia ha una lunga e ricca storia cinematografica, e che i serbi sono stati grandi amanti del cinema per oltre 120 anni.

La storia del cinema in Serbia ha inizio con la proiezione del primo film, il 6 giugno 1896, presso la locanda “Golden Cross” di Belgrado, alla presenza della coppia reale Aleksandar e Natalija Obrenovic. L’evento ebbe luogo solo pochi mesi dopo la prima storica prima proiezione privata dei i fratelli Lumiere a Parigi nel 1895, di fronte a un pubblico di 200 persone.

Nel 2011, la Serbia ha festeggiato il centenario del suo primo lungometraggio – “Karadjordje”, incentrato sulla vita del leader serbo durante la prima rivolta contro l’Impero Ottomano. Inizialmente, si pensava che il film fosse stato perso per sempre, ma, dopo sei decenni di ricerca, è stato finalmente ritrovato nell’archivio cinematografico austriaco. Il primo film documentario in Serbia, dal titolo “L’incoronazione di re Petar Karadjordjevic” è stato realizzato nel 1904 e può ancora essere visto presso il Museo della Cineteca jugoslava.

La storia d’amore tra la Serbia e il cinema è ben documentata e dimostrato dai molti festival che vi si svolgono durante tutto l’anno. Di seguito, una panoramica dei festival che si svolgeranno nel periodo da gennaio a marzo.

I Magnifici 7 – Festival europeo del cinema documentario
Belgrado, Sava Centre, 29 gennaio-04 febbraio
www.magnificent7festival.org e www.kvadrat-film.com

Nel corso degli ultimi 12 anni il festival ha presentato con grande successo più di 80 film documentari tra i migliori europei della scena contemporanea. La sua missione principale è quella di conferire ai documentari quella dose di glamour in genere riservata ai lungometraggi. “Il documentario è una pianta rara e fragile, e rappresenta il frutto di un lavoro che può durare anche per molti anni. I film documentari sono creati lontano dal pubblico e solo pochi affezionati del genere hanno familiarità con i loro autori. Per fortuna ce ne sono sempre in misura maggiore a Belgrado”, sostiene il Direttore del Festival, Zoran Popović.

Lo scorso anno, il Festival ha proiettato documentari struggenti e significativi come “Lampedusa in inverno”, diretto da Jakob Brossman, e “Don Giovanni”, diretto da Jerzy Sladkowski. Quest’ultimo film è risultato poi vincitore, in occasione del più grande festival europeo di film documentario, l’IDFA. Il Festival non rappresenta solo l’occasione per la proiezione dei documentari, ma si pone anche come cornice di riferimento per una serie di incontri, workshop e corsi di perfezionamento per studenti e giovani registi, con l’obiettivo di stabilire una buona comunicazione con i diversi tipi di pubblico.

Il programma del 2017 Magnifico 7 non è stato ancora comunicato pubblicamente, ma vi terremo aggiornati.

FEST – Festival internazionale del lungometraggio
Belgrado, Sava Centre
24 febbraio-5 marzo
http://www.fest.rs/home

FEST è il re di tutti i festival in Serbia, ed uno dei festival cinematografici più rinomati nel sud-est Europa. Quest’anno, il festival celebra il suo 45° anniversario. Nel corso degli ultimi quarantacinque anni, più di 4 milioni di persone hanno partecipato al festival, il quale ha presentato oltre 4.000 film, tra cui classici di culto come “Odissea nello spazio” di Stanley Kubrick, “Easy Rider” di Dennis Hopper, e “MASH” di Robert Altman. Per citare l’organizzatore del festival, CEBEF: “FEST è il pilastro della vita culturale di Belgrado, elemento indispensabile per il raggiungimento della maggiore età di molte generazioni di appassionati di cinema”.

Alcuni trai più celebri registi e attori sono stati ospiti ufficiali di FEST, tra cui Miloš Forman, Francis Ford Coppola, Roman Polanski, Sam Peckinpah, Pier Paolo Pasolini, David Cronenberg, Ken Russell, Wim Wenders, Theo Angelopoulos, Werner Herzog, Krzysztof Kieslowski, Jack Nicholson, Kirk Douglas, Robert De Niro, Dennis Hopper e Peter Fonda. Nel 2007, il festival è stato aperto da Catherine Deneuve, e, nel 2009, da Ralph Fiennes. Quest’anno, è prevista la partecipazione della celebre attrice italiana Monica Bellucci, protagonista del nuovo film di Emir Kusturica “Sulla Via Lattea, che aprirà ufficialmente il FEST 2017.

Anche se il programma del festival non è stato ancora pubblicato, il suo Direttore artistico, Jugoslav Pantelić, è convinto che “a rischio di sembrare molto pretenzioso, l’edizione di quest’anno si appresta ad essere la migliore di sempre”.

Festival del Documentario e dei Cortometraggi
Belgrado, Dom Omladine
20-26 marzo
http://www.bfdkf.rs/en/ 

Il Festival è uno dei più antichi, fondato nel 1953 dal Comune di Belgrado. All’epoca, nel momento in cui la Jugoslavia era ancora in vita, aveva luogo nella città croata di Pola. I primi film ivi proiettati vengono ancora oggi considerati come opere iconiche nella storia del cinema, come “Rashomon” di Akira Kurosawa, “The Great Caruso” di Richard Thorpe (film sul famoso tenore Enrico Caruso), e “Five Fingers” di Joseph L. Mankiewicz (basato sul libro “Operazione Cicero”, una straordinaria storia autobiografica di spionaggio).

Molti registi, che hanno poi raggiunto la fama più tardi, hanno debuttato presentando i loro film in occasione di questo festival. Per esempio, il regista serbo Dušan Vukotić si aggiudicò il primo premio per il cortometraggio animato “The Substitute”, premiato con un Oscar al 35° Academy Awards solo un mese più tardi, nel 1962.

Ogni anno, il programma del festival propone la visione di circa 150 dei miglior documentari, e di cortometraggi di animazione e sperimentali in un unico luogo.

Serbian Monitor ringrazia Una Domazetoski del Serbian Film Centre (http://www.fcs.rs/) per aver gentilmente fornito informazioni sui prossimi festival cinematografici.

()

Un piccolo favore

Dal 2013 il Serbian Monitor offre gratuitamente ai suoi lettori una selezione accurata delle notizie sulla Repubblica di Serbia, un impegno quotidiano che nasce dal genuino desiderio di offrire un'informazione senza distorsioni su un paese troppo spesso vittima di pregiudizi e superficialità. Da novembre 2016 questo servizio viene proposto in inglese e in italiano, con sempre più articoli originali per offrire un quadro completo sull'economia, la politica, la cultura e la società del paese balcanico. Il nostro archivio è completamente gratuito, a disposizione di chiunque voglia conoscere il paese, studiarne specifici aspetti o esserne costantemente aggiornato. Questo progetto potrà proseguire solo grazie all'aiuto dei lettori, cui chiediamo un piccolo sostegno economico per continuare a garantire un'informazione sempre più ricca di contributi originali. Se apprezzate il nostro lavoro vi invitiamo a cliccare il tasto qui sotto

Share this post

scroll to top
More in Belgrado, cinema
Picasso: i disegni in mostra a Belgrado

Belgrado: migranti trasferiti in centri di accoglienza

Close