Adulterati in Serbia miele, vino, succhi

Quali prodotti sono nel mirino dei falsificatori nei negozi serbi? Di solito si falsificano vino, miele, succhi di frutta, soia con l’olio d’oliva. Le ultime ricerche internazionali dimostrano che questo prodotto alimentare viene falsificato spesso, mentre ai consumatori invece dell’olio d’oliva si vende l’olio di soia che diventa verde grazie ai coloranti.

L’analisi chimica di questi e molti altri componenti degli alimentari è complicata e non è disponibile in tutti i laboratori a causa dei costi dell’atttrezzatura e della mancanza di esperti.

“Ci sono dei regolamenti che definiscono i parametri e i metodi per l’analisi e per la determinazione della qualità dai prodotti. Se uno o più parametri variano da quelli richiesti, questo dimostra una qualità cattiva e indirettamente che il prodotto non è autentico”, dice la dottoressa Vesna Rakic, professore della Facoltà di agricultura a Belgrado.

Con l’analisi chimica dei cibi si possono ottenere informazioni sugli elementi nutritivi, nonchè sulla presenza di antinutrienti, cioè sostanze che non consentono lo sfruttamento del composto nutrizionale dei prodotti alimentari.”I risultati dell’analisi chimica consentono la determinazione della qualità degli alimentari, però possono anche dimostrare se un prodotto è autentico o se ci sono stati alcuni passaggi inadatti o proibiti durante il processo di produzione”, ha detto la dott. Rakic. 

Ai consumatori si consiglia di leggere le dichiarazioni sul composto degli alimentari prodotti industrialmente. Se si sospetta della qualità o dell’autenticità dei prodotti alimentari e se uno vuole reagire, la miglior soluzione è rivolgersi all’Ispettorato competente o all’Associazione per la protezione dei consumatori.

In Serbia non ci sono dati precisi su quali prodotti che vengono falsificati di più e sulle relative quantità. “Nessuno gestisce queste cose. Non ci sono state ricerche in base ai quali era possibile considerare la quantità degli alimentari falsificati. Purtroppo sulla base delle denuncie dei consumatori si sa che ci sono falsificati di miele, grappa, prodotti di carne e latte”, ha detto Petar Bogosavljevic, il presidente dell’Associazione per la protezione dei consumatori.

Uno dei motivi per falsificare gli alimentari sul mercato serbo è anche la protezione non sufficiente dei marchi, la debole protezione della proprietà intellettuale e la scarsa concorrenza.

(Novosti, 27.03.2016)

 

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top